Nicholas Cage nella morsa dei debiti: “Tante scelte sbagliate”

Confessione a cuore aperto del famoso premio Oscar Nicholas Cage che ha raccontato i suoi molti problemi economici

Da qualche tempo Nicholas Cage sta cercando di ricrearsi una visibilità completamente nuova rispetto ad alcuni ruoli non particolarmente brillanti.

Nicholas Cage QNM 230426
NIcholas Cage sul red carpet – Credit ANSA (QNM)

“Ma sono stato costretto – racconta oggi l’attore a 60 Minutes – scelte imprenditoriali fallimentari mi avevano portato a un punto di non ritorno, oberato da debiti e creditori. E se non avessi lavorato tanto, non ne sarei mai uscito”.

Nicholas Cage e il mercato immobiliare

I problemi per l’attore di Moonstruck e de La Città degli Angeli, sono cominciati quando ha cominciato a investire gran parte dei suoi notevoli guadagni sul mercato immobiliare: “Ammetto di essere stato sprovveduto, ma tutti mi avevano consigliato di investire in complessi residenziali e commerciali che sarebbero fruttati molto bene. All’epoca avevo molti soldi da parte, e li ho investiti quasi tutti. Poi il mercato immobiliare è crollato e io mi sono scoperto quasi completamente rovinato”.

Cage rimpiange di non avere investito sulla sua carriera o in qualche produzione cinematografica come molti suoi colleghi di Hollywood: “Non l’ho fatto, e con il senno di poi ho sbagliato. Paradossalmente uno pensa che il settore immobiliare sia quasi privo di rischi. Non è così. Quando mi sono trovato a un passo dal fallimento ho lavorato più di prima, accettando qualsiasi ruolo…”

Uscito a testa alta dai debiti

Cage non dice quali film ha fatto senza convinzione, perché alla fine sono serviti anche quelli: “Ho pagato più di sei milioni di dollari in crediti. Non ho mai presentato istanza di fallimento e ne sono uscito anche con qualcosa da parte. Il lavoro è sempre stato il mio angelo custode, magari non sarà stata un’azione straordinariamente remunerativa, ma ho imparato che il lavoro alla fine è il migliore investimento possibile. Poco o tanto guadagni sempre. Non devi essere esoso, devi chiedere il giusto. Ed essere estremamente serio. Ho fatto scelte motivate dal denaro? Sì, certo. Il primo scopo era pagare i miei debiti. L’ho fatto”.