Speciale Natale

Pagellone della 5a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati

Pagellone della 5a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati
da in Calcio, Serie A, Sport
Ultimo aggiornamento:
    Pagellone della 5a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati

    Ecco il pagellone della 5a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati del turno infrasettimanale del massimo campionato tricolore. Salgono la Roma, in vetta solitaria e il Sassuolo, protagonista di un pari epico a Napoli. Dietro male Milan, Catania e un personaggio ben noto da tutti i tecnici italiani e non.

    Roma: voto 10. Alzi la mano chi aveva pronosticato i giallorossi a punteggio pieno dopo 5 giornate e con un solo gol subìto? Nessuno, né i tifosi che hanno messo in croce la squadra in ritiro, né la dirigenza che aveva chiamato Garcia. Ora si godano il sogno, salvo non tornare in crisi isterica alle prime inevitabili difficoltà.

    Sassuolo: voto 9. Impresa degli emiliani che si salvano dove neppure il Borussia Dortmund vice-campione d’Europa è riuscito ad uscire indenne. Certo che il turnover di Benitez è stato probabilmente eccessivo, ma dai 7 schiaffi dell’Inter, al punticino tutto grinta del San Paolo sembra passata un’eternità.

    Lazio: voto 8. Terza vittoria della squadra di Petkovic che coglie un successo fondamentale in un momento difficilissimo della storia recente azzurra. E bisogna considerare il fardello psicologico di una Roma straripante…

    Juventus: voto 7. Esce dalla seconda trasferta veronese della stagione con 3 punti più importanti che belli. Le polemiche arbitrali saranno inevitabili, ma un passo falso sarebbe stato un colpo alle sicurezze di Conte che oggi deve fronteggiare anche il caso Pirlo.

    Parma: voto 6. Champagne nel primo tempo, brodino nella ripresa. Fortunatamente l’Atalanta si ferma ad un passo dall’incredibile rimonta e permette ai Ducali di ottenere la prima vittoria dell’anno.

    Bocciati

    Napoli: voto 5. Benitez sa benissimo che il campionato dura fino a maggio e che rischia di avere una coperta corta tra Serie A e Champions, ma ieri sera i 3 punti erano decisamente alla portata. La speranza e che non si rimpiangano più avanti…

    Genoa: voto 4. L’onda del derby sembra essersi già esaurita. Liverani è sulla graticola nonostante una vittoria nella stracittadina che resterà negli annali.

    E poi lo sappiamo quando Zamparini chiama, Preziosi risponde…

    Milan: voto 3. Va bene il carattere, la grinta, la voglia di esserci, il cuore nelle situazioni di difficoltà, la sfortuna e tutto il resto, ma qua ci vogliono i punti. Allegri predica calma e dice che a Natale saranno al top, ma rischia di non vederlo l’albero, i regali e soprattutto il panettone…

    Atalanta e Sampdoria: voto 2. La Dea e la Doria hanno iniziato malissimo le loro annate e devono dare segnali nella prossima giornata perché il gruppo si allunga e recuperare non è mai facile. Sveglia!

    Catania: voto 1. Dov’è finita la macchina perfetta della scorsa stagione? Maran ha forse puntato troppo in alto? L’unico a salvarsi è Barrientos che ha segnato i 2 soli gol segnati dai rossoblu. Il problema più grosso? Manca Lodi ad accendere la luce…

    Zamparini: voto 0. Facciamo un salto in B per sottolineare il 52esimo allenatore bruciato da Calamity Zamparini. Sempre la stessa storia. “Ho l’impressione che X sia l’allenatore del futuro!” e un mese dopo “Mi hanno consigliato male, X ci porterebbe alla retrocessione.

    557

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CalcioSerie ASport

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI