Pagellone della 27a giornata di Serie A 2013: promossi e bocciati

Pagellone della 27a giornata di Serie A 2013: promossi e bocciati
da in Calcio, Inter, Juventus, Milan, Serie A, Sport
    Pagellone della 27a giornata di Serie A 2013: promossi e bocciati

    Si esce dal campo ed è già il tempo di dare i voti a squadre e protagonisti della 27a giornata della Serie A 2013. Ecco il pagellone: Lo scontro scudetto Napoli-Juventus ha partorito il topolino e una gomitata di troppo. Dietro risalgono Milan, Roma e Inter mentre dietro affondano le ultime 3 della classe.

    Milan: voto 10. I rossoneri battono 3 a 0 la Lazio anche grazie all’espulsione affrettata di Candreva, ma il dato inequivocabile è questo. Nelle ultime 15 giornate, 10 vittorie, 4 pareggi e una sola sconfitta. Nella classifica virtuale, il Milan ha rosicchiato ben 6 punti alla capolista e addirittura 14 all’Inter.

    Roma: voto 9. Il record di Totti (voto 9,5), la terza vittoria consecutiva, la gioia di Romagnoli e il self control di Andreazzoli. L’allenatore per caso sembra aver trovato la quadratura del cerchio, lasciando da parte la scriteriata gestione offensiva di Zeman e affidandosi ad un più robusto 4-3-1-2.

    Inter: voto 8. Vittoria di nervi, nel puro stile della squadra più Pazza della Serie A. Stramaccioni ottiene un surplus di fiducia e può lavorare con maggior calma alla ricostruzione di una squadra che appare un cantiere da troppo tempo. E il nervosismo di Cassano è un campanello d’allarme.

    Fiorentina: voto 7. Partitaccia della Viola con la solita dote di occasioni sprecate. Montella però può gioire dei tre punti che tengono i toscani attaccati al treno per il terzo posto, traguardo avvincente per cui si sfidano 5 squadre raccolte in un fazzoletto di 5 punti.

    Juventus: voto 6. Missione compiuta. I bianconeri escono indenni dal catino del San Paolo e vedono lo scudetto avvicinarsi. Sei punti non sono margine di sicurezza, ma per i partenopei si tratta adesso di vero e proprio miracolo vista la condizione della squadra.

    I bocciati

    Napoli: voto 5. Riprendiamo il discorso di qualche riga sopra. Il Napoli non vince dal 2 febbraio. Da quel momento 4 pareggi: Cavani non segna più ed è nervosissimo. Ci vorrebbe una scossa, una vittoria anche fortunosa. Da salvare, dopo la sfida con la Juventus, solo ed esclusivamente il fatto che i punti sono rimasti 6 e che il tricolore è ancora a portata.

    Lazio: voto 4. Vero che Candreva meritava il giallo e non il rosso.

    Ma è innegabile che i biancocelesti stiano attraversando un momento di forma scadente. Nelle ultime 5 giornate solo una vittoria (contro il Pescara…) e soprattutto fuori casa la squadra di Petkovic fatica tantissimo.

    Pescara: voto 3. Altro cambio in panca, ma non si vedono all’orizzonte effetti apprezzabili.

    Palermo: voto 2. Un consiglio: Signor Zamparini provi a richiamare Sannino, magari arriva il 5° pareggio consecutivo. Oppure Mutti, oppure Mangia, oppure tutti quelli che ha esonerato. Ripetiamo: tenere Miccoli in panchina non è un buon modo per salvarsi.

    Siena: voto 1. Il giudizio è più severo perché la sconfitta arriva in casa (fortino dei toscani) contro una diretta avversaria alla salvezza. Ora si fa veramente difficile anche con il talismano Emeghara.

    Cavani: voto 0. Le attenuanti generiche gli si devono, ma non è bello vedere un giocatore come Edinson lasciarsi andare ad un gesto tanto brutto quanto inutile.

    540

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CalcioInterJuventusMilanSerie ASport
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI