Pagellone della 16a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati

Pagellone della 16a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati
da in Calcio, Serie A, Sport
Ultimo aggiornamento:
    Pagellone della 16a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati

    Ecco il pagellone della 16a giornata di Serie A 2013-14. Promossi e bocciati del nostro massimo campionati messi sotto la lente d’ingrandimento. Il primo della classe è Carlitos Tevez, a segno con una roboante tripletta. Bene anche Napoli e Fiorentina, mentre nella palude dei votacci spiccano Sassuolo, Livorno e Bologna.

    Tevez: voto 10. L’Apache si riscatta da gran campione dopo il passaggio a vuoto di Istanbul. La prima tripletta in bianconero è l’ouverture dell’ottava sinfonia bianconera in campionato. Inarrestabile in Italia, speriamo si sblocchi anche in Europa League.

    Napoli: voto 9. Benitez compie la sua vendetta grazie ad una serata di grazia del suo attacco. Higuain passa dalla lacrime ad un sinistro al volo sublime e Don Rafaé riporta il sorriso al San Paolo, rilanciando gli azzurri verso la lotta scudetto.

    Fiorentina: voto 8. Borja Valero+Rossi=spettacolo! I viola giocano una gran partita e si prendono il quarto posto a discapito dell’Inter. Montella fa giocare benissimo la sua squadra che riesce anche a tenere imbattuto Neto.

    Sampdoria e Torino: voto 7. Seconda vittoria consecutiva per la doria di mister Mihajlovic che esce dal pantano della lotta salvezza. Il Toro invece è con il Verona la grande sorpresa dell’anno: con Cerci e Immobile veleggia in acque tranquille e la salvezza potrebbe arrivare anche con largo anticipo.

    Lazio: voto 6. La squadra di Petkovic torna a vincere in Italia con una prestazione positiva contro il mediocre Livorno. Klose riveste i panni del killer e affonda in due minuti la fregata labronica. Il lato oscuro è rappresentato dal possibile addio dell’allenatore: chi prenderà la scottante panchina?

    I bocciati

    Parma: voto 5. Festeggia con uno scialbo pareggio i 100 anni di storia. Il Cagliari strappa un punticino prezioso dal Tardini che si era immaginato tutt’altra ricorrenza.

    Udinese: voto 4. La situazione inizia a diventare grave: Guidolin sente di aver perso la briglia e la premiata ditta Pozzo sembra non aver gioielli in serbo per quest’annata. Dovrebbe essere solo un momento, ma il rischio di una caduta libera è dietro l’angolo.

    Inter: voto 3. Da quando è arrivato Tahoir è arrivata l’allegria: 6 gol presi in 3 partite e nessuna vittoria. A parte gli scherzi, Tagliavento ha sbagliato, ma continuare ad accusare l’arbitro non aiuta a correggere una difesa che fa acqua da tutte le parti. E Mazzarri dovrebbe capirlo…

    Livorno: voto 2. Nelle ultime cinque partite un solo punto conquistato dagli amaranto, quello con il Milan. Cosa sta succedendo alla bella squadra di inizio stagione?

    Sassuolo: voto 1. Non ci aspettavamo di più dagli emiliani, ma entrare in campo con la bandiera bianca alzata davanti ad una Juve famelica non è stata una gran pensata. Eppure Di Francesco ci aveva convinto contro le big: pari con Roma e Napoli…

    Bologna: voto 0. Altro tonfo per il Bologna che non vince dal 30 ottobre. Incomprensibile la mancanza di cattiveria dei felsinei che non riescono più a sfruttare tutta la classe di Diamanti e Kone. Urge una svolta.

    534

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CalcioSerie ASport Ultimo aggiornamento: Venerdì 03/07/2015 17:47
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI