Speciale Natale

Pagellone della 15a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati

Pagellone della 15a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati
da in Calcio, Serie A, Sport
Ultimo aggiornamento:
    Pagellone della 15a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati

    Ecco il pagellone della 15a giornata di Serie A 2013-14: i protagonisti del nostro massimo campionato finiscono sotto la lente d’ingrandimento. Oggi tra i promossi, Juve, Roma, Samp e Torino, ma la copertina tocca di diritto al Chievo. Dietro arrancano le milanesi ed un Napoli troppo molle dietro.

    Chievo: voto 10. Dopo la Juventus è la squadra più in forma della Serie A. 3 vittorie nelle ultime 3 con Corini in panchina, 5 gol fatti e nessuno subito. I clivensi rispondono ai cugini dell’Hellas con un successo fondamentale in ottica salvezza, guadagnandosi la nostra copertina.

    Roma: voto 9. Inverte la rotta nella partita più complicata, ritrovando un Destro che servirà come il pane nel proseguo della stagione. Diciamo che la lotta per lo scudetto riparte da oggi: tra Lupa e Vecchia Signora ci sono tre punti, ma in pochi avrebbero pronosticato una vittoria contro la Viola.

    Juventus: voto 8. La settima di fila arriva alla vigilia del fondamentale match di Champions contro il Galatasaray. La solita gara da dominatrice assoluta, con qualche grattacapo di troppo, ma ci poteva stare su un campo difficile come quello dei felsinei. E ora testa ad Istanbul.

    Sampdoria e Verona: voto 7. E’ innegabile che Sinisa abbia fatto scattare qualcosa in testa ai blucerchiati. Quattro partite e nessuna sconfitta, un senso di rinnovata voglia come arma principale. L’Hellas si rialza dopo le tre sconfitte consecutive rispondendo con i fatti a qualche polemica di troppo.

    Torino e Cagliari: voto 6. Due vittorie fondamentali per i rispettivi obiettivi. Il Toro si porta in scia del Verona per un lusinghiero settimo posto. I sardi imbeccano la seconda rimonta in fila, vincendo grazie alle prodezze di Marco Sau.

    I bocciati

    Fiorentina: voto 5. La squadra di Montella ha mancato l’ennesimo appuntamento per fare il definitivo salto di qualità. Qualche errore del tecnico nella formazione iniziale e la mancanza di Gomez come variante tattica (Rossi da solo non può scardinare tutte le difese…) sono sul banco degli imputati.

    Milan: voto 4. Passo indietro rispetto alla timida risalita delle scorsa settimana. Balotelli è di nuovo super (voto 8), ma dietro si balla da matti. Vero che Allegri non schiera una difesa uguale da mesi, ma non può più essere un alibi.

    Inter e Napoli: voto 3. Come i gol presi in casa dalle due formazioni. Non si può puntare allo scudetto con difese del genere: è la storia del nostro calcio a raccontarcelo. Un dato: Roma 5 gol subiti, Juve 10, nerazzurri e partenopei 17. Sono più di uno a partita…

    Atalanta: voto 2. Imbattibile in casa, esposta alle folate avversarie lontana dalle mura amiche. La Dea conferma tutti i problemi in trasferta, facendosi rimontare dal Verona negli ultimi minuti.

    Catania: voto 1. Gli etnei sembrano essersi rassegnati al ruolo di vittima sacrificale. Arrivano sconfitte su sconfitte e un inversione di tendenza è difficile anche da immaginare se non supportata da un adeguato mercato di riparazione.

    Lazio: voto 0. Seconda sconfitta di fila per i biancocelesti, accreditati come una delle sette sorelle, ma in difficoltà sempre più grosse in questa stagione. La vittoria manca dal 27 ottobre e non ci sono motivi per intravedere un cambio di rotta, tra i soliti problemi di una piazza complicata.

    578

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CalcioSerie ASport

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI