Le 10 cose che non sai su Mario Balotelli

Mario Balotelli torna al Milan. Riuscirà a ritrovarsi? tornerà l'ottimo giocatore di qualche stagione fa? Ecco le 10 curiosità che non si sanno su SuperMario Balotelli.

da , il

    Mario Balotelli si, Mario Balotelli no. I tifosi del Milan si stanno facendo questa domanda da qualche giorno, esattamente da quando la società ha deciso di riprendere l’attaccante italiano. Dopo una stagione orribile al Liverpool, condita da 28 presenze e solo 4 reti complessive, è pronto a rilanciarsi nel nuovo Milan di Mihajlovic. Il tecnico serbo conosce molto bene Mario e sembra che tra i due ci sia un ottimo rapporto tanto che lo stesso Sinisa sembra che abbia espressamente richiesto l’acquisto del calciatore. Riuscirà Balotelli a ritrovarsi? Tornerà l’ottimo giocatore di qualche stagione fa? Nell’attesa di scoprirlo, ecco le 10 curiosità che non si sanno su SuperMario Balotelli.

    10. Quasi 100 gol

    Mario Balotelli, in 9 anni di carriera, ha già segnato 92 reti. Un ottimo bottino per un giocatore tanto criticato. L’ultima stagione è stata la sua peggiore a livello realizzativo, ma nel triennio dal 2011/12 al 2013/14 ha segnato ben 50 reti tra Manchester City e Milan.

    9. Titoli vinti

    Seppur Balotelli sia ancora giovane ha già vinto moltissimi titoli: 1 Champions League con l’Inter, 3 scudetti con i nerazzurri, 1 Premier League con il Manchester City e altre 4 coppe nazionali. Il suo palmares è di tutto rispetto e già migliore di alcuni grandi campioni.

    8. Dream Team

    Agli Europei di Polonia 2012 c’è stato in campo forse il miglior Balotelli di sempre. SuperMario grazie a delle prestazioni ottime, sopratutto quella contro la Germania in semifinale, trascinò l’Italia fino alla fine poi persa contro la Spagna. La Uefa lo premiò inserendolo nel Dream Team della manifestazione.

    7. Nazionale

    Balotelli è sempre stato criticato e contestato dal tifo italiano. In molti, anche per via del colore della sua pelle e non solo, hanno sempre visto di cattivo occhio il suo approdo in Nazionale. L’attaccante però è riuscito, anche più che nei club, a mettersi in mostra conquistando con la Nazionale un argento agli Europei 2012, un bronzo in Confederations Cup 2013 e un bronzo agli Europei Under 21 del 2009.

    6. Multe non pagate

    SuperMario è da poco tornato ad essere un giocatore del Milan. L’attaccante dovrà ora versare ben 10 mila euro di multa ad Equitalia per non aver pagato delle multe arretrate. Motivo? 18 volte ha superato il limite di velocità con la sua Ferrari mentre percorreva la A4.

    5. Bonus pesante

    Il Liverpool ha spedito di fretta e furia Balotelli al Milan con un prestito gratuito. La passata stagione gli inglesi pagarono i rossoneri ben 20 milioni di euro per aver la punta. Motivo di questa minusvalenza? I Reds, se avessero tenuto Balo, avrebbero dovuto versare un altro milione al giocatore come ‘premio fedeltà’.

    4. Flop mostruoso

    Balo è costato carissimo al Liverpool: 962mila sterline per ogni tiro in porta (20 in tutto il campionato), quasi 2 milioni per ogni occasione creata e la bellezza di 79,834 sterline (108mila euro) per ogni passaggio (ne ha fatti 41). Numeri da “Flop-Player” per l’attaccante italiano. Anche per questo motivo i Reds lo hanno rispedito al mittente.

    3. Raiola

    Ormai da diversi anni Mino Raiola è il manager di Balotelli. Si vocifera che l’ex pizzaiolo, agente anche di Ibrahimovic, sia stata un peso per la carriera dell’attaccante. Tante pressioni addosso dall’agente, il paragone sbagliato con Zlatan e qualche scelta affrettata lo hanno fatto crollare

    2. Paragone sfortunato

    Era l’Agosto del 2007 quando Massimo Moratti, allora presidente dell’Inter, dichiarò: “Pato al Milan? Noi abbiamo Balotelli”. Da quel momento iniziò la carriera di Balotelli che venne subito paragonato al ‘Papero’ rossonero. I due poi ebbero una carriera molto simile fatta più di delusioni che gioie.

    1. Senza maglietta

    Mario Balotelli ha vinto la Champions League 2010 con l’Inter. Mourinho ha puntato spesso su SuperMario durante la cavalcata nerazzurra. In finale non fu impiegato anche per lo sfogo nella semifinale contro il Barcellona nella quale lanciò con disprezzo la maglia a terra. Durante i festeggiamenti, sia in tribuna che in campo, Balotelli è sempre con una t-shirt bianca. Non ci sono foto di Balotelli con la maglia nerazzurra durante la Finale 2010.