Da Błaszczykowski a Szczesny: i cognomi impronunciabili della Serie A

Da Błaszczykowski a Szczesny: i cognomi impronunciabili della Serie A
da in Calcio, Sport

    La Serie A 2015/16 è iniziata con le prime giornate di campionato. Questa sessione di calciomercato ha portato alla corte dei tecnici italiani molti nuovi calciatori. Campioni affermati, altri in erba, tutti con lo stesso intento: sfondare nella nostra Serie A. Se allenatori e società sono contenti delle nuove rose formate, forse non si può dire lo stesso per giornalisti e telecronisti. Si perchè la Serie A 2015/16 verrà ricordata come quella dei nomi impronunciabili in quanto molte formazioni saranno formate da calciatori stranieri dall’est europa in particolare polacchi. Ne vedremo e sentiremo delle belle con i cognomi dei calciatori storpiati dai cronosti e tifosi.

    La Roma, per rinforzare la squadra, ha acquistato due grandi nomi che provengono dalla Premier League. Se Edin Dzeko è un calciatore già molto conosciuto e quindi facilmente pronunciabile non si può dire lo stesso del nuovo portiere polacco Wojciech Szczesny in prestito dall’Arsenal.

    Anche la Lazio ha deciso di puntare forte su diversi giocatori in arrivo dall’Olanda. Wesley Hoedt, scuola Az Alkaamar, sarà un nuovo perno della difesa biancoceleste mentre Ricardo Kishna, in arrivo dall’Ajax, ha già bagnato il suo esordio in Serie A con una rete decisiva nella prima giornata di campionato.

    Il Palermo, dopo aver perso Dybala passato alla Juventus e Belotti trasferitosi al Torino, ha deciso di credere in Aleksandar Trajkovski, attaccante macedone. Insieme a lui ci sarà anche Oscar Hiljemark, svedese in arrivo dal PSV.

    Anche il Napoli non si è tirato indietro in questo strano mercato di calciatori impronunciabili decidendo di acquistarne addirittura tre: Nathaniel Chalobah, in prestito dal Chelsea, Vlad Iulian Chiriches, 25 anni di nazionalità rumena e l’albanese Elseid Hysaj. Insomma un terzetto di ‘innominabili’ per raggiungere lo Scudetto.

    La Fiorentina ha acquistato Nikola Kalinic per sopperire alla cessione di Mario Gomez. Ma il colpo di fine mercato è sicuramente da primo posto con l’arrivo del fortissimo Jakub Błaszczykowski. Giocatore dal nome impronuncibile per antonomasia ma dal talento eccelso che ha fatto la fortuna del Borussia Dortmund di Klopp. L’esterno polacco, nel suo palmares, ha vinto due volte la Bundesliga e la Coppa di Germania, sfiorando il titolo europeo nel 2012/13 perdendo la finale di Champions League.

    462