Barcellona-Milan 2-2: le nostre pagelle

da , il

    E’ tornata la Champions League e di conseguenza il miglior calcio europeo: tra Barcellona e Milan finisce con un pareggio (2-2). Un lampo all’inizio ed uno alla fine sono riusciti a cambiare il destino di una partita che dopo il gol del 2-1 di Villa sembrava finita. Da sottolineare il gol di Pato con un’impressionante accelerazione dopo soli 26 secondi.

    - Le statistiche del match:

    - Il possesso palla, a fine partita, è nettamente a favore del Barca: 61% contro il 39 dei rossoneri.

    - 7 i tiri nello specchio per i blaugrana, 3 quelli del Milan.

    - 11 a 2 i calcio d’angolo per il Barcellona

    - Tre ammoniti tra gli spagnoli (Daniel Alves, Villa e Puyol), due per il Milan (Van Bommel e Nesta).

    - I gol: il video

    - La parola agli allenatori:

    - Allegri: ” Credo che la squadra abbia fatto, soprattutto all’inizio, molto bene, poi, ci siamo un po’ abbassati, anche per merito del Barcellona, perché sul piano del palleggio era difficile andarli a prendere molto alti. Potevamo sfruttare un po’ meglio alcune ripartenze e la gestione della palla, ma non era assolutamente facile. Però, grandi occasioni non ne abbiamo concesse, abbiamo fatto, credo, un’ottima fase difensiva, potevamo andare sul 2-0, subito dopo il vantaggio”.

    - Guardiola: ” Il Milan, come tutte le grandi d’Europa ha molto talento e può colpirti fino all’ultimo, anche se è arrivato alla nostra porta solo due volte e mezzo in tutto l’incontro. Il Milan è una squadra fatta per giocare. Per certi versi mi ha stupito il suo atteggiamento. Ci hanno concesso a lungo la palla, ma alla fine hanno strappato il punto che volevano. Dobbiamo solo fargli i complimenti”.

    - Le pagelle:

    - Barcellona (4-3-3)

    - Valdes – 6: Poche responsabilità sui gol. Non è quasi mai stato chiamato in causa.

    - Dani Alves – 6.5: in pressione per tutta la partita su Zambrotta.

    - Mascherano – 5,5 : sbaglia durante l’occasione del gol di Pato ma poi controlla senza difficoltà Cassano.

    - Busquets – 5: non è un difensore e lo si vede. Anche lui sbaglia in occasione del gol di Pato.

    - Abidal – 6: meglio in fase offensiva che in quella difensiva. Regala il corner da cui nasce il pareggio rossonero.

    - Xavi – 6,5: è il solito metronomo del Barca. Forse un pò più impreciso del solito ma comunque fondamentale per il gioco di Guardiola.

    - Keita – 6.5: buona prova di sostanza per il centrocampista maliano. (dal 23’ st Puyol – 6: un ritorno importante per la difesa del Barca).

    - Iniesta – 6: illumina con giocate raffinate. I suoi muscoli però vanno KO dopo 40 minuti. (39’ Fabregas – 6: la classe non manca ma non è determinante come ai tempi dell’Arsenal).

    - Pedro – 6,5: vivace come sempre. Ha il merito di credere nell’assist di Messi nell’occasione del pareggio.

    - Messi – 7: è il numero uno al mondo. Nessun dubbio. Lo scatto sul gol dell’1-1 è impressionante.

    - Villa – 6,5: la sua punizione è meravigliosa. La sua prestazione meno. (dal 38’ st Afellay sv).

    - Milan (4-3-1-2)

    - Abbiati – 6,5: magari poteva fare qualcosa di più sull’assist di Messi a Pedro ma qualche intervento da campione lo ha comunque compiuto. Prestazione buona!

    - Abate – 6: sbaglia su Messi nell’occasione del pareggio blaugrana ma durante il resto della gara non sbanda quasi mai.

    - Nesta – 7: ottimo primo tempo, nel secondo interviene in scivolata su Messi che stava per calciare in rete da pochi passi. Un vero muro.

    - Thiago Silva – 7,5: buona tenuta difensiva e poi c’è il gol importantissimo nel finale. Fondamentale!

    - Zambrotta – 5: la pressione di Dani Alves è continua: lui cerca di tenere ma ogni tanto sbanda.

    - Nocerino – 5: diligente ma serviva qualcosa di più.

    - Van Bommel – 5,5: un frangiflutti che doveva contrastare un oceano. Fa comunque il suo. (dal 28’ st Aquilani sv).

    - Seedorf – 5.5: il cross per T.Silva è al bacio, la sua prestazione meno. Spesso cammina in mezzo al campo.

    - Boateng – 5.5: meno aggressivo del solito. La schiena lo mette KO. (dal 34’ Ambrosini – 5: in continua sofferenza).

    - Pato – 6: ventisei secondi per segnare un gol straordinario per velocità e freddezza. Poi sparisce poichè troppo isolato in avanti.

    - Cassano – 4: non lo si nota se non per qualche stop sbagliato. Evanescente. (dal 16’ st Emanuelson sv).

    Foto da AP/LaPresse