Il calendario delle scadenze fiscali febbraio 2017, le tasse da pagare

da , il

    Il calendario delle scadenze fiscali febbraio 2017, le tasse da pagare

    Il calendario delle scadenze fiscali di febbraio 2017 non è molto nutrito, ma ci sono comunque delle tasse da pagare. Lo sciopero dei commercialisti previsto per la fine del mese renderà probabilmente più difficile adempiere a tale dovere, ma organizzandosi per tempo si potrà comunque arrivare puntuali all’appuntamento con il fisco. Iva e Irpef sono i tributi più importanti, ma non bisogna trascurare la comunicazione di Equitalia relativa alla rottamazione delle cartelle, che dovrà essere inviata dall’Ente obbligatoriamente entro il 28 febbraio, consentendo ai contribuenti di poter stralciare interessi dalle cartelle ricevute e quindi di condonare una quota dei debiti contratti.

    Nel calendario generale delle scadenze fiscali del 2017, febbraio si contraddistingue per il basso numero di appuntamenti.

    Il 15 febbraio i soggetti IVA devono emettere e registrare le fatture differite relative al mese solare precedente, i commercianti al minuto e assimilati e coloro che operano nella grande distribuzione, ma che già possono adottare la trasmissione telematica dei corrispettivi devono registrare le operazioni del mese solare precedente per cui hanno rilasciato lo scontrino o la ricevuta fiscale. Anche le associazioni sportive dilettantistiche, associazioni senza scopo di lucro e associazioni pro loco che godono del regime fiscale agevolato devono annotare l’ammontare dei corrispettivi e di altri proventi derivanti da attività commerciali svolte nel mese precedente.

    Il 16 febbraio artigiani e commercianti devono versare i contributi propri e dei dipendenti, i sostituti d’imposta sono tenuti a versare le ritenute sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, autonomo e provvigioni corrisposti nel mese precedente, su cessazione di rapporti, vincite e premi perdite da avvio attività, riscatto polizze vita ecc. E soprattutto al versamento dell’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunali sulle somme erogate ai dipendenti, nel mese precedente, per incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione.

    Anche i condomini sostituti di imposta sono chiamati a versare le ritenute operate dai condomini sui corrispettivi del mese precedente dovuti a contratti di appalto per opere o servizi effettuate nell’esercizio di impresa, ma solo se l’importo è pari o maggiore di 500 euro.

    Un’altra data importante nel calendario fiscale di febbraio 2017 è il 28: per la prima (e unica) volta si presenta in questo giorno la dichiarazione Iva 2017, obbligatoriamente in forma autonoma, fuori dalla dichiarazione dei redditi (ex modello Unico). Nel 2018, infatti, essa dovrà essere presentata entro il 30 aprile.