Finanza personale: i migliori software per gestirla

Finanza personale: i migliori software per gestirla
da in Fisco e Tasse, Soldi e Carriera
    Finanza personale: i migliori software per gestirla

    Tenere sotto controllo la finanza personale può rappresentare una sfida ardua anche per chi è abituato a fare colazione con pane e fogli Excel. Per fortuna sono ormai lontani i tempi in cui le spese si annotavano sui quaderni e il bilancio familiare veniva gestito con penna e calcolatrice. Ormai, nell’epoca dei computer e di Internet, il vero imbarazzo non è dato dalla necessità di imparare formule astruse ma dalla quantità di software gestionali che trasformano la gestione finanziaria in un gioco da ragazzi. L’importante, allora, è saper scegliere quello adatto alle nostre reali esigenze. Ecco i migliori software per gestire i propri conti.

    YOU NEED A BUDGET (YNAB)
    Uno dei software di gestione finanziaria più utilizzati al momento, YNAB consente di tenere sotto controllo le proprie spese e tutti gli investimenti, accentrando e incrociando le informazioni sul conto corrente, la carta di credito, i fondi di investimento e i piani pensione. Non si limita a questo, però, perché aggiunge anche una community molto attiva dove confrontarsi con altri utenti, sfruttare le loro conoscenze e migliorare le proprie competenze attraverso appositi tutorial. Il tutto funziona sia su Windows che su iOS, online ma anche offline e in mobile. Il software è gratis per il primo mese, poi va acquistato (circa 60 dollari, con licenza unica per tutte le piattaforme).

    GNUCASH
    Per chi utilizza i sistemi operativi open source (Linux ma non solo) l’alternativa si chiama GnuCash, programma completamente gratuito e supportato da una community sempre molto attiva e pronta ad aiutare i novizi (ed è disponibile anche per Windows e iOS). Anche GnuCash consente di lavorare in rete ma anche offline, in modo da non dover sempre accedere ai propri conti online per aggiornare i dati.

    Dati che vengono incrociati ed elaborati per consentire la corretta gestione dei propri soldi (per dirne una: ad ogni transazione va associata un’uscita su un account, per mantenere la bilancia in equilibrio). Questo software consente, inoltre, di importare le informazioni attraverso file QIF (Quicken Files) e OFX (Open Financial Exchange), molto utilizzati dalle banche.

    MONEYDANCE
    Chi è alla ricerca di qualcosa di più complesso può fare riferimento a MoneyDance, software che unisce la praticità delle funzioni offline alla necessità di collegarsi online ai propri account bancari. Disponibile praticamente per ogni piattaforma, questo software integra la gestione da desktop a quella mobile (l’app costa 7 dollari), consentendo operazioni semplici come l’analisi delle spese ma anche opzioni più complesse come la pianificazione delle uscite e degli investimenti. Altre opzioni interessanti sono la possibilità di stampare fatture e note spesa direttamente dal programma e il reminder per la gestione delle bollette e delle spese ricorrenti. MoneyDance è gratuito ma dopo 100 transazioni bisogna acquistare la licenza completa, che costa intorno ai 50 dollari.

    BUDGET SIMPLE
    Il nome dice davvero tutto: si tratta di un software gratuito che integra diversi tools interessanti ed è perfetto per chi non solo vuole tenere sotto controllo le proprie spese ma vuole anche capire come fare per risparmiare e dove tagliare per non andare in rosso. La versione base (che è quella gratuita) consente di gestire tutto manualmente e offline, ma se si vuole collegare il proprio account bancario per aggiornare in tempo reale le informazioni, allora bisogna acquistare la licenza premium, che costa 5 dollari al mese e include anche l’app mobile. Rispetto agli altri è uno strumento più semplice, ma forse anche per questo il più adatto alle persone normali, che non devono certo gestire fondi di investimento e cifre a sei zero.

    606

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Fisco e TasseSoldi e Carriera
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI