Comprare casa: Venezia città più cara d’Italia

da , il

    Comprare casa: Venezia città più cara d’Italia

    Parafrasando un noto programma televisivo, possiamo dire che comprare casa è sempre un’avventura emozionante, ma che se non si è accorti può trasformarsi in una grande tragedia. L’acquisto di un immobile è una scelta da ponderare attentamente, soprattutto in periodi di crisi economica e in vista dell’accensione di un mutuo.

    Le scelte da fare sono tante: la prima e forse più importante riguarda la città dove comprarla questa casa, il che dipende da molti fattori come lavoro, famiglia. Anche il risvolto più prosaico della scelta (gli sporchi soldi) gioca un ruolo fondamentale, perché non tutte le città costano allo stesso modo. Più il nome è importante, più la casa costerà.

    Ennesima conferma arriva da un’indagine che è stata condotta da Nomisma, dalla quale risulta che Venezia è la città più cara d’Italia per quanto riguarda l’acquisto della casa, seguita a ruota da Roma e Milano. Al sud le cose vanno meglio, e soprattutto la Sicilia risulta la più economica.

    Nel quadro generale, la situazione mostra un calo dei prezzi delle abitazioni sui 13 maggiori mercati, con una variazione dello 0,7% nel primo semestre del 2011. Consideriamo che la ricerca ha preso in considerazione la media ponderata (calcolata tra zone di pregio, centro, semicentro e periferia) per l’acquisto di un’abitazione non nuova nelle principali città.

    Dall’analisi dei dati acquisiti risulta che comprare casa a Venezia costa in media un prezzo pari a 3.692 euro al metro quadro, che la pone ai vertici nello stivale in questa particolare classifica. Vivere in laguna costa più che nella capitale, che si ferma ad un prezzo di 3.519 euro al metro quadro, mentre all’ombra della Madonnina si spende 3.445 euro al metro quadro.

    Proseguendo nella classifica troviamo altre quattro città sopra i 2mila euro: Firenze (2.963), Bologna (2.498 euro) Bari (2.410 euro) e Napoli (2.119 euro), mentre si assestano sotto questa cifra Torino (1.932 euro), Padova (1.847 euro), Genova (1.832 euro) e Cagliari (1.726 euro).

    Come detto la Sicilia risulta essere la regione più economica, con Palermo ferma a 1.458 euro al metro quadro, e Catania che delle città prese in considerazione è quella che costa di meno, con una media di 1.415 euro al metro quadro. Catania peraltro risulta uno dei mercati immobiliari più dinamici, nel confronto tra i dati 2006 e 2011.

    Questa netta differenza di costo ovviamente va ad inficiare il reale potere d’acquisto: con lo stesso budget infatti le possibilità sono ben diverse a seconda della città in cui ci troviamo, perché a Venezia un immobile di 50 metri quadri costa in media 176 mila euro, mentre con gli stessi soldi a Catania si può comprare una casa abbondantemente sopra i 100 metri quadri. Cioè più del doppio, con tutte le conseguenze del caso sul mutuo.

    Foto da Rodrigo_Soldon