NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Bonus energia 2017, come richiederlo e a chi spetta

Bonus energia 2017, come richiederlo e a chi spetta
    Bonus energia 2017, come richiederlo e a chi spetta

    Il Bonus energia 2017 può essere una boccata d’aria per il portafogli. Bisogna solo sapere come richiederlo e a chi spetta. Si tratta di uno sconto sulla bolletta della luce introdotto dal Governo con il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 29 dicembre 2016, reso operativo dall’Autorità per l’Energia con la collaborazione dei Comuni, dal 1 gennaio 2017. L’importo dello sconto per quest’anno è aumentato dal 20 al 30%, così come la soglia di reddito Isee che passa da 7.500 a 8.107,5 euro.

    Il Bonus Energia 2017 è riservato alle famiglie numerose e con basso reddito e per chi si trova in una condizione di disagio fisico, ovvero è affetto da una malattia che lo costringa all’utilizzo di apparecchiature elettromedicali per restare in vita.
    Per ottenere il Bonus bisogna rispondere anche ad altri requisiti: innanzitutto essere dei clienti domestici, quindi essere intestatari del contratto di fornitura elettrica solo per l’abitazione di residenza ed avere una potenza impegnata (ovvero un contatore) fino a 3 kW (se il numero di familiari con la stessa residenza è pari o inferiore a 4) o fino a 4,5 Kw, (se i familiari sono più di 4). Requisito fondamentale per la richiesta Bonus per disagio economico è avere una certificazione ISEE che non superi gli 8.107,5 euro annui, oppure i 20.000 euro annui se si hanno più di 3 figli a carico.
    In caso di richiesta del bonus per disagio fisico, occorre presentare anche un certificato dell’ASL che attesti la necessità di utilizzare l’apparecchiatura per il mantenimento in vita, le sue caratteristiche, l’indirizzo presso cui è ubicata e la data a partire dalla quale viene utilizzata. Per richieste di questo tipo non ci sono limitazioni di residenza o di potenza impegnata.

    Come richiedere il Bonus energia 2017? Niente di più semplice: il cittadino compila uno specifico modulo di domanda e lo presenta al proprio Comune di residenza oppure presso i CAF, i Centri di Assistenza Fiscale competenti per il territorio. I moduli possono essere richiesti al proprio Comune o scaricati dai siti del Ministero per lo Sviluppo economico o dall’AEEG, Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il sistema Idrico.

    Oltre alla domanda, il richiedente deve presentare anche la Certificazione Modello ISEE 2017 ed una copia del proprio documento d’identità.
    In caso di delega, è necessario allegare anche il documento di riconoscimento del delegato e le informazioni relative al richiedente, come residenza, stato di famiglia, Pod (il codice che identifica l’utenza sulla bolletta) della fornitura, caratteristiche del contratto di fornitura.

    430

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Come risparmiareHow to soldi e carrieraSoldi e Carriera
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI