Arruolamento esercito italiano 2017: requisiti e passaggi da seguire

Sono tanti i giovani vogliono sapere come arruolarsi nell'esercito italiano. Tra i requisiti richiesti, oltre alla maggiore età, bisogna avere almeno la terza media, ma c'è l'eccezione dell'arruolamento a 17 anni. Oltre a questo è necessario sapere anche quali sono i bandi di concorso e come si strutturano

da , il

    Arruolamento esercito italiano 2017: requisiti e passaggi da seguire

    Vi state chiedendo quali sono i passaggi e i requisiti per l’arruolamento nell’esercito italiano del 2017? Sono molti i giovani che vogliono sapere come funziona questo iter e quali sono le caratteristiche fisiche, tecniche ed intellettuali sono per poterne fare parte. Prima di tutto è bene sapere che esistono sei Armi: Fanteria, Cavalleria, Artiglieria, Genio, Trasmissioni, Trasporti, Materiali. E tre Corpi: Corpo Sanitario, Corpo di Amministrazione e Corpo degli Ingegneri. Armi e corpi sono poi divisi in Specialità. Per potersi arruolare in uno di questi è necessario superare un concorso e superare test attitudinali.

    Come arruolarsi nell’esercito italiano

    Rispondiamo dunque alla prima domanda, essenziale: come arruolarsi nell’esercito italiano? A seconda di cosa si vuole fare e del titolo di studio, è possibile scegliere di diventare ufficiali, marescialli, sergenti, graduati, militari di truppa o frequentare scuole militari. In tutti i casi, bisogna cercare il bando di concorso pubblico che riguarda quel ruolo. Bisogna avere almeno 18 anni di età. I percorsi sono suddivisi in servizio permanente e ferma temporanea. Il primo prevede una permanenza di lunga durata ed è riservata in particolare a chi ha come obiettivo di diventare ufficiale, sottufficiale o volontario di truppa; il secondo consiste in un periodo di permanenza nell’esercito per quattro anni e abbraccia le carriere di ufficiali, scuola militare e volontario di truppa.

    C’è anche la possibilità di provare ad arruolarsi come volontario dell’esercito in Ferma Prefissata per un anno (da 18 a 25 anni, anche possedendo solo la terza media come titolo di studio). Bisogna presentare un certificato di idoneità all’attività fisica agonistica, i documenti e la domanda di arruolamento. Il tutto va consegnato al distretto militare più vicino, le chiamate hanno una scadenza trimestrale.

    Può chiedere l’arruolamento nell’esercito anche chi non è cittadino italiano. In questo caso, tramite il web – accedendo al sito del ministero per l’Immigrazione e la Cittadinanza – si possono richiedere informazioni sulla richiesta di residenza. I cittadini non italiani o residenti non permanenti possono fare riferimento alle informazioni individuali sia nella Marina sia nell’Esercito sia nell’Aeronautica. Possono trasferire le loro competenze professionali e di vita a qualsiasi servizio si uniscono, con una formazione limitata e di preparazione.

    Come detto all’inizio, per ogni tipo di arruolamento o di concorso ci sono regole di partecipazione, prove, modalità e selezioni diverse, riportate sugli appositi bandi di concorso, sempre pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Una volta presentata la domanda di arruolamento, si viene chiamati presso il Centro di Selezione più vicino alla città in cui si risiede per le selezioni. Se l’esito è positivo, si viene destinati in uno dei reparti di addestramento presenti sul territorio nazionale.

    Come entrare nell’esercito italiano a 17 anni

    C’è un’eccezione al limite dei 18 anni di età per arruolarsi. Ossia, c’è la possibilità di entrare nell’esercito italiano anche a 17 anni. Anzi, a dire il vero, dai 15 ai 17 anni si può concorrere per le Scuole militari. A 17 anni, si aprono poi varie possibilità: da 17 a 26 anni si può concorrere per diventare marescialli, a patto di avere un diploma di scuola superiore o equipollente (28 se si è già militari), da 17 a 22 per l’Accademia militare (elevato fino a tre anni per il servizio prestato per chi è già militare).

    I requisiti, fisici e non, per arruolarsi nell’esercito italiano

    Le donne devono essere alte almeno 161 centimetri, gli uomini 165 centimetri. Questo è uno dei requisiti fisici richiesti per arruolarsi nell’esercito italiano, oltre a un certificato fisico agonistico.

    Bisogna avere la cittadinanza italiana e il diploma di scuola superiore o, almeno, la terza media. Non possono venire accettate le domande di chi è stato licenziato dalla pubblica amministrazione per gravi motivi disciplinari. Si dovrà inoltre dimostrare di non avere a carico sentenze di condanna, ottenendo poi l’idoneità psicologica.

    Oltre ai requisiti, ci sono pure dei test fisici da superare. Per le donne, in simulazione, sollevare la bomba da mortaio da 120 mm e fare almeno due sollevamenti in 80 secondi. Verrà simulato un armamento della mitragliatrice e si dovranno compiere almeno due sollecitazioni del manubrio (carico 10 kg) in 80 secondi. E ancora: si dovrà dimostrare di riuscire a trascinare un oggetto lesionato percorrendo almeno 20 metri nell’arco di 120 secondi, facendo andata e ritorno. Bisogna percorrere 2 mila metri di corsa in 11 minuti.

    Vediamo ora gli obiettivi da raggiungere da parte degli uomini: sollevare, in una simulazione, la bomba da mortaio da 120 mm e fare almeno 4 sollevamenti in 60 secondi; verrà simulato un armamento della mitragliatrice e si dovranno compiere almeno due sollecitazioni del manubrio (carico 20 kg) in 60 secondi; dimostrare di riuscire a trascinare un oggetto lesionato percorrendo almeno 20 metri nell’arco di 80 secondi, facendo andata e ritorno; riuscire a percorrere 2 mila metri di corsa in 10 minuti.

    I bandi e i concorsi da conoscere per arruolarsi nell’esercito italiano

    Chi volesse conoscere bandi e concorsi per arruolarsi nell’esercito italiano, oltre che sulla Gazzetta Ufficiale, può collegarsi al sito del ministero della Difesa o dell’Esercito italiano.