Mani gonfie nell’uomo: cause e rimedi

Mani gonfie nell’uomo: cause e rimedi
da in Disturbi, Workout
Ultimo aggiornamento:
    Mani gonfie nell’uomo: cause e rimedi

    Le mani gonfie nell’uomo, doloranti, rosse, a volte accompagnate anche da una sensazione di prurito, possono rappresentare un vero problema da non sottovalutare. Spesso chi è affetto da questo disturbo si ritrova, specialmente al mattino, immediatamente dopo il risveglio, ad essere incapace di articolare in maniera adeguata anche le dita e prova una grande sensazione di disagio, oltre che difficoltà nel compiere i gesti più semplici della vita quotidiana. Proprio per questo motivo, è opportuno ricorrere ad una visita medica, affinché se ne possano individuare le cause ed, eventualmente, anche i possibili rimedi, a cui si potrebbe fare ricorso.

    Le cause

    Sono diverse le cause delle mani gonfie nell’uomo. A volte il tutto può essere rapportato ad un problema da poco. Altre volte può essere un sintomo che non va trascurato e che ha bisogno di un intervento terapeutico importante. In certi casi si può trattare soltanto di stress, che influenza non poco tutto il nostro organismo. Le mani possono essere gonfie anche per il freddo, perché quest’ultimo mette in difficoltà la circolazione sanguigna periferica.

    Il fastidio può essere provocato anche da posizioni sbagliate che si assumo durante il sonno. Anche il ricorso ad alcuni farmaci può provocare gonfiore alle mani. E’ il caso, ad esempio, del consumo di antidepressivi, di medicinali contro il diabete, contro l’ipertensione oppure degli steroidi. Ci sono poi alcune cause da attribuire a delle manifestazioni patologiche. Ricordiamoci, infatti, che anche l’ipertiroidismo, la pressione alta, le malattie del fegato, quelle cardiovascolari, l’artrite e l’artrosi possono stare alla base del problema.

    I rimedi

    I rimedi per le mani gonfie nell’uomo sono differenti.

    E’ innanzi tutto importante badare alla cura delle mani stesse, anche attraverso delle strategie semplici, come l’utilizzo di una crema per stimolare la circolazione o l’immersione in acqua calda e poi in quella fredda. A volte il disturbo può essere risolto attraverso degli esercizi specifici. Questi consistono nel sollevare le braccia verso l’alto, per stimolare la circolazione. Si possono anche stringere le mani in un pugno, lasciando il pollice all’esterno e poi riaprendole ripetutamente.

    Le mani vanno anche protette, specialmente quando si eseguono lavori pesanti o quando si sta a lungo a contatto con l’acqua. Molto importante è l’alimentazione. E’ opportuno ridurre il sale e i cibi conservati ad alto contenuto sodico e poi ancora i dolci, lo zucchero, i formaggi, i salumi, l’alcool e la caffeina. E’ importante evitare la ritenzione idrica, bevendo tanta acqua ogni giorno e non facendo mancare l’apporto di sali minerali e vitamine. In ogni caso è sempre essenziale una visita dal medico, che, a seconda dell’eventuale patologia collegata, può prescrivere la terapia più adatta.

    539

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DisturbiWorkout Ultimo aggiornamento: Giovedì 02/07/2015 17:56
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI