Speciale Natale

Funghi della pelle: come riconoscerli [FOTO]

Funghi della pelle: come riconoscerli [FOTO]
da in Malattie, Workout
Ultimo aggiornamento:

    I funghi sulla pelle possono essere davvero fastidiosi, anche quando si tratta di micosi, un’infezione cutanea che coinvolge sia lo strato superficiale che i tessuti più profondi, comprendendo anche i capelli e le unghie. Ci accorgiamo della presenza di un’infezione da funghi quando in una zona del corpo si manifestano delle piccole macchie, che possono essere bianche o rosse, con aree di irritazione o piene di squame. Anche i bambini possono essere interessati da questo tipo di infezioni, che non risparmiano nessuna parte del corpo, compresi i piedi. Vediamo insieme come si presentano i vari tipi di funghi.

    Micosi superficiali

    Le micosi superficiali comprendono delle infezioni particolari, come la piedra bianca, quella nera, la pitiarisi nera e il fungo di mare. Nel primo caso i funghi compaiono sui capelli, sui peli dell’inguine e nelle cavità ascellari. Si presentano sotto forma di piccolissimi noduli morbidi di colore bianco. Il tutto si rileva attraverso un esame al microscopio, anche se, per capire di quale agente si tratti, bisogna effettuare delle analisi biochimiche.

    La piedra nera interessa soprattutto il cuoio capelluto. In questo caso si tratta di noduli scuri, che non scatenano il formarsi di nessuna infiammazione. Anche per questa infezione bisogna procedere ad un esame al microscopio. Nel caso della pitiarisi nera, il quadro clinico si presenta asintomatico, con la sola presenza di macchie nere o marrone scuro, soprattutto sui palmi delle mani o sulle piante dei piedi. Queste macchie sono irregolari e la loro grandezza può variare.

    Il fungo di mare infetta soprattutto le aree del corpo ricche di ghiandole sebacee e provoca delle macchie iperpigmentate. Sono localizzate soprattutto sul collo e sulla schiena e sono accompagnate da un lieve prurito.

    Micosi cutanee

    Fra le micosi cutanee possiamo annoverare la tinea capitis, la tinea pedis e cruris. Tutte e tre le infezioni determinano l’azione del sistema immunitario, per cui come conseguenza si ha l’infiammazione dell’area colpita.

    Nella tinea capitis, che colpisce soprattutto i bambini, si hanno aree di cuoio capelluto prive di capelli. Si possono avere anche lesioni di forma irregolare e che si notano ad un esame obiettivo.

    Nella tinea pedis i funghi spuntano in particolare tra le dita dei piedi o nelle aree prive di peli. L’infezione può essere causata soprattutto dall’eccessiva sudorazione o dal fatto di camminare a piedi nudi, quando si fa sport, nelle aree comuni. Vescicole, arrossamento, prurito e bruciore sono i sintomi tipici. La tinea cruris è un’infezione caratterizzata da lesioni rotonde ed eritematose, con prurito molto intenso, localizzate soprattutto nella regione inguinale e nell’interno coscia.

    Onicomicosi

    L’onicomicosi interessa le unghie delle mani e dei piedi. L’infezione compare con una macchia bianca sul bordo o sulla parte laterale dell’unghia. A poco a poco la macchia diventa scura, mentre l’unghia si solleva, diventa opaca, scalfita e tende a sfaldarsi facilmente. Di solito ad essere più colpite sono le unghie dei piedi e non ci sono altre caratteristiche sintomatologiche, a parte i problemi puramente estetici. Questo tipo di infezione può essere individuata con un esame obiettivo da parte di un dermatologo, ma anche esaminando al microscopio un campione di unghia, di cui si può fare anche una coltura, per ricercare il tipo di fungo che sta all’origine del problema.

    662

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattieWorkout

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI