Eccesso di magnesio: sintomi, cause e rimedi

Il magnesio è un minerale contenuto normalmente nel nostro organismo, specie nelle ossa. In casi particolari, però, si può assistere ad effetti collaterali dovuti da eccesso di magnesio, che possono compromettere la propria salute. Per riconoscere tale situazione, è bene aver chiari quali sono i sintomi e le cause dell'intossicazione da magnesio, così come i rimedi da poter mettere in pratica.

da , il

    Eccesso di magnesio: sintomi, cause e rimedi

    In questa nostra guida affronteremo i sintomi, le cause e i rimedi circa l’eccesso di magnesio. Infatti, anche se il magnesio è un minerale importantissimo per il nostro organismo, preso in dosi eccessive può risultare dannoso e dare seri problemi di salute, tant’è che nei casi più gravi si parla addirittura di intossicazione da magnesio. In linea generale, possiamo però affermare che raramente si assiste ad effetti collaterali dovuti ad un eccesso di magnesio introdotto tramite dieta alimentare, mentre è più plausibile che l’intossicazione sia dovuta agli integratori di tale minerale.

    I sintomi dell’eccesso di magnesio

    I cambiamenti dell’umore e la perdita di appetito sono fra i primi sintomi dell’eccesso di magnesio, uniti ad un senso generale di astenia e di debolezza muscolare. Da annoverare anche eventuali problemi di nausea, difficoltà respiratorie, pressione bassa e tachicardia. Inoltre, l’eccesso di magnesio fa venire la diarrea, altro sintomo tipico.

    Le cause dell’eccesso di magnesio vanno trovate non tanto nell’assunzione di cibi che contengono importanti quantità di questo minerale, ma più che altro negli antiacidi ed integratori: gli effetti collaterali del magnesio supremo, un integratore alimentare a base di magnesio carbonato e acido citrico, sono abbastanza noti e comuni fra coloro che non seguono alla perfezione le prescrizioni mediche di dosaggio.

    Come eliminare il magnesio in eccesso

    Per eliminare il magnesio in eccesso non ci sono cure miracolose, ma più che altro è bene tenere sotto controllo i valori del magnesio ed astenersi dall’assumere cibi o medicinali che contengono tale minerale. Dunque, i rimedi per eliminare il magnesio in eccesso sono alla portata di tutti.

    E’ bene ricordare che medicine come lassativi e antiacidi possono contenere dosi elevate di magnesio, quindi è bene far presente al proprio medico l’insorgenza di eventuali sintomi da eccesso di magnesio e applicare i rimedi che consiglia. Se si ha un’intossicazione da magnesio, vanno evitati anche i cibi che contengono magnesio, come cereali, banane, frutta a guscio e legumi, nonché ricordarsi di cuocere sempre i cibi perfettamente: è dimostrato che il 75% del magnesio contenuto negli alimenti si perde proprio tramite la cottura.

    Gli effetti collaterali del magnesio

    Gli effetti collaterali del magnesio sono molto simili a quelli dell’eccesso di potassio, tant’è che spesso di parla di effetti collaterali di magnesio e potassio in eccesso in maniera quasi indistinta.

    Gli effetti collaterali più comuni sono legati all’astenia e ad un senso di debolezza e spossatezza non motivati: ci si sente senza forza e con l’umore a terra, senza neanche la voglia di mangiare. Crampi e spasmi sono da annoverare fra gli effetti collaterali dell’eccesso di magnesio, così come la pressione bassa (mentre nell’eccesso di potassio la pressione ha sbalzi notevoli), la nausea e la tachicardia. In alcuni casi più gravi, si assiste altresì a diarrea profusa e difficoltà respiratorie. Più rari, invece, gli episodi di purito legati all’eccesso di magnesio.

    Intossicazione da magnesio: come riconoscerla

    L’intossicazione da magnesio si riconosce dalla presenza dei sintomi e degli effetti collaterali appena illustrati. In generale, è molto probabile che a soffrire di ipermagnesiemia siano soggetti con funzionalità renale ridotta e quelli affetti da diabete alimentare. In ogni caso, quando si ha una situazione di base compromessa, prima di assumere magnesio o medicinali con magnesio è bene sentire il parere del proprio medico di fiducia.