Speciale Natale

Dolori addominali: possibili cause e cure

Dolori addominali: possibili cause e cure
da in Disturbi, Workout
Ultimo aggiornamento:
    Dolori addominali: possibili cause e cure

    I dolori addominali possono essere davvero fastidiosi. Se sono leggeri, si può cercare di rimediare in maniera semplice, ma a volte, specialmente quando sono forti, possono essere motivo di malesseri profondi, sui quali è bene indagare. E’ sempre bene rivolgersi al proprio medico di fiducia e chiedere un parere specifico, anche perché le cause di questi disturbi possono essere molte e non è sempre facile individuarle con certezza. Sarà il medico a procedere con un’attenta analisi della situazione, in modo da poter giungere ad una diagnosi certa. Solo in questo modo si possono seguire le cure giuste, perché il problema possa essere risolto.

    Le possibili cause

    Molte sono le cause dei dolori addominali. A seconda della parte interessata, possiamo individuare ragioni differenti. Se la sensazione dolorosa colpisce il fianco destro, si potrebbe trattare di calcoli biliari, di colangite, infiammazione del dotto biliare, di gastrite, con la tipica infiammazione della mucosa che riveste la parte interna dello stomaco. Oppure il tutto potrebbe essere rapportato all’ernia iatale e al reflusso gastroesofageo. Nei casi più gravi si può avere l’epatite, la pancreatite o l’angioma epatico, una lesione benigna del fegato. Altri casi comprendono l’occlusione intestinale, un blocco che impedisce il transito del cibo, o la diverticolite. I diverticoli sono delle piccole tasche che possono formarsi nella parete dell’intestino.

    Se il dolore interessa il fianco sinistro, si va da disturbi meno gravi, come la mononucleosi, causata da un virus che colpisce i linfociti B, a problemi molto più gravi, come le leucemie, la tubercolosi, la brucellosi, la rottura della milza, in seguito ad un evento traumatico o l’anemia emolitica, la riduzione della concentrazione di emoglobina a causa di un processo distruttivo dei globuli rossi.

    Se il disturbo interessa la parte centrale dell’addome, i problemi si possono rapportare ad un’origine neuropatica, come la sindrome del colon irritabile, oppure si potrebbe trattare di qualcosa che interessa il cuore, come l’angina o l’infarto del miocardio. Anche l’appendicite può causare dolore a questa parte dell’addome.

    C’è poi il caso del dolore localizzato al basso ventre.

    Ritorna la possibilità dell’appendicite o di malattie infiammatorie croniche intestinali. Nelle donne si potrebbe trattare di una gravidanza extrauterina, di dolori mestruali o di una cisti all’ovaio destro.

    Le cure

    Le cure per i dolori addominali variano a seconda della causa che sta alla base. Proprio per questo il parere di un medico è essenziale, anche per sapere qual è la terapia da portare avanti. In generale si possono usare dei farmaci in grado di diminuire l’infiammazione. Per esempio, contro le ulcere ci sono medicinali che riducono le secrezioni acide dello stomaco. Altre volte può essere opportuno prendere degli analgesici, come l’ibuprofene. Tuttavia sarebbe importante non utilizzare questi analgesici da banco, se non è accertata la natura del mal di pancia.

    Altre volte ancora il medico può prevedere l’opportunità di sottoporsi ad un intervento chirurgico. Questo succede quando il dolore è da rapportare a cause specifiche, come, per esempio, l’infiammazione della cistifellea, che, di solito, viene curata proprio attraverso la sua asportazione, mediante un intervento di colecistectomia.

    627

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DisturbiWorkout

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI