Suzuki GSR750: stile in movimento

da , il

    La Casa di Hamamatsu ha presentato la nuova naked Suzuki GSR750, che si affianca alla GSR600 e dovrà lottare aspramente con la rivale del momento, la Kawasaki Z750. In realtà, questo segmento di mercato è piuttosto affollato ma la soluzione proposta da Suzuki sembra avere le carte in regola per segnare punti importanti.

    Una linea moderna, decisa e autorevole, che ben si presta ad una netta risposta sull’asfalto in ogni circostanza. Un motore quattro cilindri derivato da quello della GSX-R750, si dimostra particolarmente godibile soprattutto ai bassi e medi regimi, punti cardine per una moto di questo tipo.

    Ma Suzuki GSR750 si avvale anche di un peso contenuto, circa 211 chilogrammi, e di una potenza complessiva di 106 cavalli, che la spingono a velocità importanti.

    Una moto con carattere, dunque, con diverse modifiche apportate sugli alberi a camme in particolare e su tutta la sezione dei condotti di aspirazione e scarico per ottenere il massimo dell’efficienza durante i tragitti.

    All’anteriore è possibile osservare la forcella a steli rovesciati KYB mentre dietro si nota il forcellone in acciaio nero con sezione rettangolare e monoammortizzatore KYB. Tale scelta permette alla Suzuki GSR750 di garantire una guida fluida e morbida su qualunque tipo di superficie.

    Suzuki GSR750 è attesa in primavera, anche in versione con ABS, nelle colorazioni rossa, nera o bianca, da un prezzo orientativo di circa 7.500 euro. Nel frattempo vi proponiamo un video che ne esalta le caratteristiche.