Mini All4 Racing 2014, undici esemplari alla Dakar [FOTO]

Mini All4 Racing 2014, undici esemplari alla Dakar [FOTO]
da in Auto, Mini, Motori

    Al Rally Dakar 2014 parteciperà la Mini All4 Racing, anzi, ce ne saranno ben undici in gara. La trentaseiesima edizione di una delle competizioni rallystiche più prestigiose di sempre si terrà in Sud America dal 5 al 18 gennaio, con un percorso complessivo di oltre 9.000 km che metterà a dura prova le meccaniche delle vetture e le abilità dei piloti. Le ultime due edizioni hanno visto proprio il successo delle Mini in gara, in particolare quella condotta da Stéphane Peterhansel che si è qualificato al primo posto. La Mini All4 Racing è un concentrato di tecnologia ed esperienza ingegneristica che non condivide molto con le vetture di serie.

    La base di partenza è offerta dalla Mini Countryman John Cooper Works, sulla quale sono state apportate modifiche sostanziali. Intanto la carrozzeria, interamente inedita rispetto a quella montata precedentemente, è realizzata in fibra di carbonio e montata su una monoscocca con rollbar di protezione. Anche il propulsore non ha nulla a che vedere con quelli proposti nella gamma della Countryman, ma la sua origina è pur sempre all’interno dello stesso gruppo. Sotto il cofano della Mini All4 Racing, infatti, si trova il 3 litri turbodiesel TwinPower di BMW. La sua potenza arriva a 307 cavalli, con una coppia massima di 700 Nm. Al propulsore è abbinato un cambio sequenziale Sadev, mentre, per affrontare i percorsi più difficili, è presente la trazione integrale.

    Anche in questo caso parliamo di un sistema molto differente dall’All4 montato di serie.
    Così preparata la Mini Racing è in grado di raggiungere i 185 km/h anche su fondi sconnessi. Questo è merito anche dei grandi pneumatici Michelin 245/60 da 16 pollici con battistrada appositamente realizzato per poter affrontare ogni tipo di terreno. Andare in offroad a simili velocità richiede necessariamente un assetto adatto. Sulla Mini All4 Racing ci sono quattro ammortizzatori per ogni asse, raffreddati a olio e con barre antirollio regolabili. Anche l’impianto frenante deve sopportare sollecitazioni non indiffirenti, e per questo sono stati installati dei dischi da 320 mm con pinze anteriori a quattro e sei pistoncini rispettivamente all’anteriore e al posteriore.
    La massa complessiva sale decisamente rispetto alla Countryman stradale, arrivando ad un valore di 1.900 kg, ma è anche in parte colpa dei serbatoi che, in tutto, hanno una capienza di 375 litri. Del resto nei deserti sudamericani è difficile trovare una strazione di servizio!

    394

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AutoMiniMotori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI