Speciale Natale

Mini 2014, le caratteristiche tecniche del nuovo modello

Mini 2014, le caratteristiche tecniche del nuovo modello
da in Auto, Mini, Motori
Ultimo aggiornamento:
    Mini 2014, le caratteristiche tecniche del nuovo modello

    La Mini Cooper 2014 rappresenta la terza generazione della piccola vettura inglese. Tra gli appassionati sono già trapelate molte informazioni interessanti in merito. Ad esempio la nuova hatchback non sarà più soltanto a tre porte ma avrà anche una variante a cinque porte. Per le linee definitive della carrozzeria occorrerà ancora aspettare un po’, visto che il debutto ufficiale è fissato per il 18 novembre, con le prime presentazioni ai Saloni di Los Angeles e Tokyo. Per ora invece sono stati rilasciati molti dettagli tecnici, che fanno subito capire che il livello tecnologico della nuova generazione di Mini sarà molto elevato. Intanto è confermato l’uso della piattaforma condivisa con BMW, che verrà anche usata per la nuova famiglia di hatchback di Monaco.

    Mini Cooper S 2014

    Anche alcune motorizzazioni e trasmissioni saranno condivise tra i due marchi, e uno degli elementi principali di questa sinergia tra i due brand sarà rappresentato dall’inedito motore a tre cilindri. Si tratta di un propulsore di tipo modulare, parente a livello progettuale dei più recenti 2,0 litri quattro cilindri montati da BMW. In questo caso la cilindrata scende ovviamente a 1,5 litri, ma le differenti personalità tradizionalmente rappresentate dagli allestimenti One e Cooper potranno essere rispettate grazie all’adozione del turbo. Il tricilindrico sarà disponibile tra l’altro sarà disponibile sia con alimentazione a benzina che a diesel. A quanto pare, invece, per le varianti più potenti il 1,5 sarà sostituito dal 2,0 litri a quattro cilindri.

    Per il primo le potenze potrebbero aggirarsi intorno ai 134 cavalli, mentre il secondo avrà una potenza di almeno 189 cavalli.
    Oltre ai nuovi motori interamente ‘made in BMW’, la terza generazione della Mini continuerà ad avere a disposizione sia la trasmissione manuale che quella automatica. Il cambio manuale sarà provvisto di uno speciale sensore che adatta il regime di rotazione del motore per ottimizzare ogni singola cambiata. L’automatico (che molto probabilmente resterà simile a quello attuale, non a doppia frizione) sarà integrato al sistema Start&Stop e con il navigatore satellitare provvederà a selezionare il rapporto migliore in base al percorso da seguire.
    L’assetto si arricchirà di un’importante novità, gli ammortizzatori regolabili elettronicamente. Saranno offerti due differenti settaggi, comfort e sport, tra cui scegliere in base alle esigenze di guida. Lo schema delle sospensioni resterà invariato, mentre i cerchi in lega saranno ottimizzati per migliorare i flussi d’aria che raffreddano i dischi freno.
    Non resta che attendere di vedere dal vivo la nuova Mini.

    505

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AutoMiniMotori

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI