Lamborghini Egoista Concept, prototipo estremo per il 50° anniversario [FOTO]

Lamborghini Egoista Concept, prototipo estremo per il 50° anniversario [FOTO]
da in Auto, Lamborghini, Motori, Supercar
Ultimo aggiornamento:

    Alla cena di gala per celebrare il 50° anniversario della Casa di Sant’Agata Bolognese è stata svelata la Lamborghini Egoista Concept. È normale che i prototipi di sportive estreme siano fatti per stupire ma in questo Lamborghini ha fatto proprio le cose in grande stile. Al confronto la produzione di serie potrebbe quasi passare inosservata, e anche un modello ultra-esclusivo come la Veneno passerebbe in secondo piano. L’Egoista Concept è una monoposto che, per molti aspetti, sarebbe il perfetto anello mancante tra una hypercar e un caccia militare. È stato Walter de’ Silva in persona, il responsabile dello stile del Gruppo Volkswagen di cui anche Lamborghini fa parte, a presentare il nuovo prototipo. Da qualunque angolazione la si guardi l’Egoista è estrema e unica. Il muso, con la sua forma spigolosa, replica un po’ la posizione di carica a corna abbassate del toro.

    Il musetto, invece, è più simile alla fusoliera di un moderno aereo stealth. Tutta la carrozzeria è costruita con pannelli di alluminio e fibra di carbonio, con superfici inclinate e spigoli vivi proprio come sui caccia invisibili ai radar. Gli elementi che si ispirano al mondo dell’aeronautica non finiscono qui: anche l’abitacolo ha un’apertura della capottina verso l’alto, senza alcuna portiera per permettere al pilota di posizionarsi al posto di guida. Il posteriore è molto aggressivo come tutto il resto della vettura, con due spoiler attivi che si sollevano a velocità elevate. Nella parte inferiore ci sono gli enormi terminali di scarico trapezoidali con finiture arancioni. Lo stesso colore è poi ripreso anche per i cerchi in lega e l’interno delle prese d’aria.

    L’illuminazione della Lamborghini Egoista Concept ha alcune caratteristiche inedite. Intanto all’anteriore ci sono i fari allo xeno nascosti all’interno delle prese d’aria. Poi ci sono le luci di ingombro, sia sul frontale che sul posteriore. Sul tetto ci sono due piccole luci, una verde per il lato destro e una rossa per il lato sinistro (ennesimo omaggio all’aeronautica).
    Definire insolito il posto di guida sarebbe un eufemismo. L’assenza di portiere e l’accesso dall’alto danno l’impressione di ritrovarsi di fronte ad una monoposto da gara. Il sedile è avvolgente con cinture a quattro punti. Il volante è incompleto, sprovvisto dei settori inferiore e superiore, e assomiglia piuttosto ad una cloche. Oltre alla strumentazione digitale in posizione tradizionale è stato previsto anche un head-up display su cui possono essere riportate le informazioni principali come velocità e regime di rotazione.
    Il motore che spinge la Lamborghini Egoista Concept è forse l’elemento più normale e privo di originalità del progetto. È sempre il V10 da 5,2 litri e 600 cavalli, una ‘vecchia’ conoscenza all’interno della produzione di Sant’Agata Bolognese.
    Per il momento non è trapelata ancora alcuna informazione sugli sviluppi futuri di questo prototipo, ma molto probabilmente non verrà mai prodotta, neppure in serie limitatissima.

    498

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AutoLamborghiniMotoriSupercar Ultimo aggiornamento: Giovedì 09/07/2015 18:04
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI