Museo Ferrari 250 GTO: i primi 50 anni (Foto)

1 di 12
    continua
    http://www.qnm.it/motori/fotogallery/museo-ferrari-250-gto-i-primi-50-anni_6227.html
    Museo Ferrari; i 50 anni della 250 GTO
    Museo Ferrari; i 50 anni della 250 GTO. Il noto Museo Ferrari, aperto al pubblico tutti i giorni dalle 9,30 alle 19, offre una interessante opportunità agli appassionati del Cavallino Rampante. Di che si tratta? Presto detto. E’ possibile vedere insieme la 250 GTO. Inoltre, in mostra il modello Ferrari più ricercato al mondo ovvero la 250 SWB con cui Stirling Moss, un celeberrimo pilota britannico, vinse il Tourist Trophy. Non finisce certo qui. Terza supercar in mostra, la 250 Tour de France che, lo ricordiamo, dominò la classica della gara francese. Basta andare un po’ indietro nel tempo ci si accorge che si tratta di un modello alquanto particolare. Si tratta, infatti, dello straordinario prototipo 250 Breadvan che il conte Volpi di Misurata fece realizzare direttamente a Giotto Bizzarrini e Piero Drogo per competere con le vetture ufficiali di Maranello. Non è certo facile incontrare un modello di questo tipo anzi è possibile dire che si tratta di un’occasione piuttosto rara. Ricapitoliamo dunque: in un solo unico evento è possibile vedere la 250 GTO, il modello Ferrari più ricercato al mondo, la 250 SWB con cui Stirling Moss vinse il Tourist Trophy, e la 250 Tour de France che dominò la classica gara francese nonché il prototipo della 250 Breadvan che il Conte Volpi di Misurata fece realizzare a Giotto Bizzarrini e Piero Drogo per competere con le vetture ufficiali di Maranello. Ma perché proprio ora si parla di tutto questo? Il 2012 è l’anno che celebra non solo i 50 anni della GTO, ma anche i 60 dal primo modello che ha portato il nome di 250. Ed è per questo che il Museo valorizza in modo importante questa circostanza che non può assolutamente passare inosservata.

    Museo Ferrari; i 50 anni della 250 GTO

    Il noto Museo Ferrari, aperto al pubblico tutti i giorni dalle 9,30 alle 19, offre una interessante opportunità agli appassionati del Cavallino Rampante. Di che si tratta? Presto detto. E’ possibile vedere insieme la 250 GTO. Inoltre, in mostra il modello Ferrari più ricercato al mondo ovvero la 250 SWB con cui Stirling Moss, un celeberrimo pilota britannico, vinse il Tourist Trophy. Non finisce certo qui. Terza supercar in mostra, la 250 Tour de France che, lo ricordiamo, dominò la classica della gara francese. Basta andare un po’ indietro nel tempo ci si accorge che si tratta di un modello alquanto particolare. Si tratta, infatti, dello straordinario prototipo 250 Breadvan che il conte Volpi di Misurata fece realizzare direttamente a Giotto Bizzarrini e Piero Drogo per competere con le vetture ufficiali di Maranello. Non è certo facile incontrare un modello di questo tipo anzi è possibile dire che si tratta di un’occasione piuttosto rara. Ricapitoliamo dunque: in un solo unico evento è possibile vedere la 250 GTO, il modello Ferrari più ricercato al mondo, la 250 SWB con cui Stirling Moss vinse il Tourist Trophy, e la 250 Tour de France che dominò la classica gara francese nonché il prototipo della 250 Breadvan che il Conte Volpi di Misurata fece realizzare a Giotto Bizzarrini e Piero Drogo per competere con le vetture ufficiali di Maranello. Ma perché proprio ora si parla di tutto questo? Il 2012 è l’anno che celebra non solo i 50 anni della GTO, ma anche i 60 dal primo modello che ha portato il nome di 250. Ed è per questo che il Museo valorizza in modo importante questa circostanza che non può assolutamente passare inosservata.

    Museo Ferrari, l'ingresso

    Museo Ferrari, l'ingresso

    Museo Ferrari, cimeli

    Museo Ferrari, cimeli

    Museo Ferrari, linea

    Museo Ferrari, linea

    Museo Ferrari, panoramica

    Museo Ferrari, panoramica

    Museo Ferrari, locandina

    Museo Ferrari, locandina

    Museo Ferrari, il gruppo

    Museo Ferrari, il gruppo

    Museo Ferrari, vintage

    Museo Ferrari, vintage

    Museo Ferrari, frontale

    Museo Ferrari, frontale

    Museo Ferrari, anteriore

    Museo Ferrari, anteriore

    Museo Ferrari, ambiente

    Museo Ferrari, ambiente

    Museo Ferrari, dettaglio

    Museo Ferrari, dettaglio

    Foto correlate