EcoPass e Area C Milano 2012: le differenze tra le ordinanze (video)

EcoPass e Area C Milano 2012: le differenze tra le ordinanze (video)
da in Auto, Moto, Motori, Scooter
Ultimo aggiornamento:

    Ecopass Milano cede il posto ad Area C 2012, un progetto sperimentale della durata iniziale di 18 mesi il cui scopo è quello di regolare l’accesso alla Cerchia dei Bastioni di Milano.

    Ci sono delle importanti differenze con il precedente EcoPass ed è dunque opportuno fare una carrellata per evitare di incorrere in eventuali sanzioni.

    In questo articolo daremo un’occhiata alle categorie di veicoli a cui l’accesso è consentito previo pagamento della congestion charge, a chi invece non potrà entrare, alle sanzioni e al costo del ticket nei vari contesti.

    Ricordiamo che Area C entrerà in vigore il prossimo 16 gennaio 2012 e sarà attiva dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19.30. Tra il 1 gennaio e il 15 gennaio 2012, l’accesso alla Cerchia dei Bastioni non sarà sottoposto ad alcun provvedimento.

    area-c-milano-2012-ecopass

    Accesso senza titolo di ingresso
    In questo paragrafo sono raccolte le differenze tra EcoPass e Area C riguardo la classe di veicoli che possono accedere senza necessità del pagamento del ticket.
    Ecopass
    Classe I: veicoli Gpl, metano, ibridi ed elettrici
    Classe II: auto, merci e autobus benzina Euro 3, 4 e successivi, auto merci e autobus diesel Euro 4 con fap (se installato successivamente, Euro 5) e successivi
    Moto e motorini
    Area C
    Auto elettriche
    Moto e motorini
    Auto ibride, bifuel, alimentate a metano e Gpl, fino al 31 dicembre 2012

    Accesso con titolo di ingresso
    Di seguito, vi mostriamo le differenze tra le due ordinanze in merito all’accesso regolato dal pagamento dell’apposito ticket congestion charge
    Ecopass
    Classe III: auto, merci e autobus benzina Euro 1 e 2
    Classe IV: auto e merci benzina Euro 0, auto diesel Euro 1, 2 e 3, merci diesel Euro 3, autobus benzina Euro 0 e diesel Euro 4, auto e merci diesel Euro 4 senza fap
    Classe V: auto diesel Euro 0, merci diesel Euro 0, 1 e 2, autobus diesel Euro 0, 1, 2 e 3
    Area C 
    Auto benzina Euro 1, 2, 3, 4 e 5
    Auto diesel Euro 4 e 5
    Diesel Euro 3 di residenti e assimilati, fino al 31 dicembre 2012
    Diesel Euro 3 veicoli di servizio, fino al 31 dicembre 2012

    Divieto di accesso
    Il divieto di accesso è una delle differenze forse più importanti dal momento che EcoPass non poneva vincoli mentre Area C sì.
    Ecopass
    Nessuna categoria di veicoli
    Area C
    Auto diesel Euro 0, 1, 2, 3 (eccetto autorizzati)
    Auto benzina Euro 0
    Veicoli di lunghezza superiore a 7 metri

    Titoli d’ingresso
    Iniziamo con la rassegna dei vari ticket acquistabili in base al tipo di accesso di cui si intende usufruire.
    Titoli di ingresso giornalieri
    Ecopass
    Giornaliero, 2 euro
    Giornaliero, 5 euro
    Giornaliero, 10 euro (in base a classe di inquinamento)
    Area C
    Giornaliero, 5 euro
    Giornaliero veicolo residente, 2 euro (previa registrazione)
    Giornaliero veicolo di servizio, 3 euro (previa registrazione)
    Giornaliero veicolo di servizio, 5 euro (solo presso i parcometri e previa registrazione)
    Titoli d’ingresso multipli
    Ecopass
    Ingresso multiplo, 20 euro
    Ingresso multiplo, 50 euro
    Ingresso multiplo, 100 euro
    Area C
    Multiplo giornaliero, 30 euro
    Multiplo giornaliero, 60 euro
    Abbonamenti Residenti
    Ecopass
    Annuale, 50 euro
    Annuale, 125 euro
    Annuale, 250 euro (in base a classe di inquinamento)
    Area C
    Non sono previsti abbonamenti ma un pacchetto di 40 ingressi giornalieri gratuiti.

    Moto, motorini e scooter, purché non Euro 0
    E’ doveroso fare una precisazione per quel che riguarda l’accesso di moto e scooter nell’Area C di Milano. E’ vero che i suddetti mezzi possono circolare senza obbligo di pagamento ma sono esclusi dalla circolazione quei mezzi equipaggiati con motore due tempi Euro 0 per i quali vige il blocco in tale Area.

    Sono ancora molti i motorini e gli scooter che rispondono alle direttive Euro 0. E’ comunque possibile aggirare questo vincolo per chi possiede un “mezzo storico” come, per esempio, la Vespa 50.

    Sul sito della Regione Lombardia, infatti, si legge che è possibile circolare purché provvisti dell’attestato di storicità o del certificato di identità/omologazione, rilasciato a seguito di iscrizione negli appositi registri storici.

    Per tutte le altre informazioni sulla mappa, orari, modalità di pagamento e norme, leggi questo articolo.

    Se sei un residente o un assimilato, leggi questo articolo.

    Per scopire le agevolazioni per i malati cronici e i volontari leggi qui.

    779

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AutoMotoMotoriScooter
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI