Speciale Natale

Birra fatta in casa: consigli e segreti per diventare un perfetto homebrewer

Birra fatta in casa: consigli e segreti per diventare un perfetto homebrewer
da in Food & Drinks, Relax, Shopping
Ultimo aggiornamento:
    Birra fatta in casa: consigli e segreti per diventare un perfetto homebrewer

    Avete sempre sognato di creare una birra fatta in casa perfetta, che non abbia nulla da invidiare a quelle artigianali del vostro pub di fiducia? Noi di QNM abbiamo deciso di darvi i giusti consigli per fare la birra in casa in maniera impeccabile! Una pratica questa, insieme alla birra fatta in casa senza kit, che, sta prendendo sempre più piede. Semplice soddisfazione del fare la birra da sé o vera e propria passione per la bevanda alcoolica più antica del mondo, forse non tutti sanno che bastano pochi accorgimenti e qualche consiglio utile per creare una birra artigianale deliziosa, utilizzando gli appositi kit birra. La passione, la pazienza e una gran sete faranno il resto.

    Sicuramente la scelta migliore, perché l’attrezzatura contenuta all’interno permette di avere fin da subito degli ottimi risultati. Sul mercato ci sono diverse tipologie di kit birra, da quello per principianti a quello per esperti, basta scegliere quel che fa per voi e, per essere sicuri di non sbagliare, guardare un dettagliato video birra fatta in casa. All’interno troverete l’attrezzatura: il fermentatore, con gorgogliatore che controlla la fermentazione e un rubinetto sul fondo utile per i travasi, il densimetro, che serve a misurare la densità della birra prima di imbottigliarla, il dosatore di zucchero, la confezione di malto, il tubo per il travaso nelle bottiglie, la tappatrice e i tappi per sigillare le birre al meglio e, infine, i prodotti detergenti per pulire perfettamente tutti gli strumenti utilizzati così da eliminare qualsiasi tipo di residuo. Acquista qui il tuo kit

    Se sognate di diventare il produttore di una delle birre più bevute e vendute al mondo, un giorno, vi basterà impegnarvi in ogni passaggio dell’housebrewing. La prima cosa da fare è pre-riscaldare la lattina dell’estratto di malto, versare il contenuto in una pentola con 2-3 litri d’acqua, far bollire per 5 minuti e poi far raffreddare il composto a bagnomaria.

    Versare tutto nel fermentatore e inserire il lievito secco, mescolando per bene. A questo punto si può chiudere il fermentatore, inserire il gorgogliatore e posizionarlo in un luogo buio con temperatura stabile di 20 gradi. La fermentazione dura solitamente dai 4 ai 7 giorni, ma, se dopo aver misurato la densità della birra ci si accorge di non essere arrivati al giusto peso specifico, si può lasciare la birra in fermentazione fino a 15 giorni. L’ultima cosa da fare è imbottigliare, in questo vi aiuterà il rubinetto presente nel fermentatore, e sigillare perfettamente le bottiglie. Se volete un risultato ottimo anche nel packaging potreste etichettare le vostre birre e lasciarle poi in un luogo buio a 20-25 gradi per circa due settimane. Ecco che poi sarete pronti per stappare la vostra prima birra fatta in casa, brindando all’artigianalità.

    636

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Food & DrinksRelaxShopping

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI