Sgt. Pepper’s dei Beatles compie 50 anni: 6 motivi per riascoltarlo oggi

Il 1 giugno 1967 nasceva uno degli album più importanti della storia della musica. Sgt. Pepper's dei Beatles compie 50 anni, l'ottavo disco dei Fab Four di Liverpool. Dalla mitica copertina (con annesso mistero) ai brani senza tempo, ecco 6 buoni motivi per riascoltarlo oggi.

da , il

    Sgt. Pepper’s dei Beatles compie 50 anni: 6 motivi per riascoltarlo oggi

    Lo storico album Sgt. Pepper’s dei Beatles compie 50 anni. Pubblicato il 1 giugno 1967, l’ottavo disco dei Fab Four è ancora una pietra miliare della storia della musica e noi vi diamo 6 motivi per riascoltarlo oggi. Il 50esimo anniversario dell’album viene celebrato con una nuova versione remixata e rimasterizzata di Sgt Pepper’s Lonely Hearts Club Band (questo è il titolo completo), in vendita dallo scorso 26 maggio, e con l’uscita nelle sale cinematografiche del film “The Beatles: Sgt Pepper & Beyond “ , solo per 3 giorni, dal 30 maggio al 2 giugno. La portata rivoluzionaria di questo capolavoro dei Beatles fu evidente sin da subito, come testimonia l’influenza che ebbe su altri artisti contemporanei e non solo. Perchè ascoltare Sgt. Pepper’s oggi? I motivi sono tanti: dai brani senza tempo che racchiude alla enigmatica quanto straordinaria copertina. Scoprite insieme a noi perchè Sgt. Pepper’s è un album da non perdere anche a distanza di 50 anni.

    È uno degli album migliori di sempre

    sgt.peppers beatles copertina

    Stilare una lista di buoni motivi per ascoltare Sgt. Peppers dei Beatles oggi è un’impresa piuttosto ardua. Tanto per cominciare è l’ottavo disco dei Beatles pubblicato nel 1967 rappresentò una vera e propria rivoluzione musicale per l’epoca che ha segnato profondamente la musica non solo di quel periodo, ma anche di quella degli anni a venire. Non è un caso che sia al primo posto nella classifica dei 500 migliori album della storia della musica secondo Rolling Stone e nella lista degli album da ascoltare almeno 1 volta prima di morire, contenuta nell’omonimo libro di Robert Dimery. Non a caso le copie vendute di Sgt. Pepper’s sono state oltre 11 milioni di copie negli USA e 32 milioni in tutto il mondo, oltre ad aver vinto ben 4 Grammy nel 1967. (Leggi anche “Record Store Day 2017: i dischi in uscita“)

    Le novità introdotte da Sgt. Pepper’s dei Beatles

    The Beatles Vinyl Collection

    Tra le cose che ancora oggi rendono speciale l’album Sgt. Pepper’s dei Beatles ci sono le novità che introdusse all’epoca. Quello che è uno dei migliori album dei Beatles viene ricordato per essere uno dei primi concept album della della storia della musica. Anche se non tutti concordano, Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band è, infatti, un album tematico in cui tutte le canzoni hanno un filo conduttore e una stessa “ambientazione” strumentale. Per renderlo tale, i 4 di Liverpool scelsero di calarsi dei panni degli strumentisti della Band dei Cuori solitari del Sergente Pepper (infatti è questa la traduzione del titolo) e di proiettarsi in un mondo colorato e psichedelico fatto di acrobazie strumentali. (Leggi anche “I migliori album rock di sempre: la classifica di QNM“)

    La copertina di Sgt. Pepper’s dei Beatles

    misteri sgt peppers beatles anniversario

    Parlare della copertina di Sgt. Pepper’s dei Beatles può aprire letteralmente un mondo. Non è un caso che i Fab Four abbiano vinto un Grammy dedicato e che sia considerata una delle copertine più belle della musica in assoluto. L’idea della copertina fu data da Paul McCartney a Jann Haworth e Peter Blake che la realizzarono, dando vita ad una vera e propria opera di pop-art. Si tratta di una copertina corale, coloratissima popolata da tantissimi figure ed oggetti dal significato. I 39 personaggi della copertina di Sgt. Pepper’s sono idealmente persone che hanno in qualche modo segnato la vita dei Beatles e davanti alle quali avrebbero voluto esibirsi. Oltre ai 4 (John, Paul, Ringo e George) è possibile riconoscere Edgar Allan Poe, Albert Einstein, Karl Marx, ma anche Sherley Temple e Marylin Monroe. Lennon ci avrebbe voluto anche Ghandi e Hitler ma alla fine furono esclusi. Sono tanti i misteri legati alla copertina dell’album e i presunti significati nascosti e criptici. Un esempio? Paul McCartney compare di spalle sul retro della copertina (mentre gli altri no) e questo viene ricollegato alla famosa teoria P.I.D (Paul is dead). Alcuni ritengono addirittura che quello ritratto sia un sosia di Paul. (Leggi anche “Le copertine d’album musicali più brutte della storia“)

    I misteri di Sgt. Pepper’s

    All'asta cimeli di Audrey Hepburn nella casa d'aste a Knightsbridge, Londra

    Quello legato alla figura di Paul McCartney, non è l’unico mistero di Sgt. Pepper’s. Ma l’intera copertina è piena di simboli, riferimenti e messaggi subliminali che da anni affascinano tutto il mondo: statue di cera, una vecchia bambola che indossa una maglietta con la scritta “Welcome Rolling Stone”, una TV spenta, un modellino di Aston Martin, una grossa grancassa disegnata da un artista “fantasma” di cui non si sa nulla sono alcuni dei dettagli della copertina che rappresenterebbero indizi da decifrare. Lo stesso Sergent Pepper del titolo è un personaggio inventato di cui non si sa nulla. Tantissimi i misteri relativi ai testi delle canzoni di Sgt. Pepper’s, come il presunto riferimento all’LSD in “Lucy in the sky with diamonds”: Lennon smentì affermando che era ispirato ad un disegno di suo figlio.

    Le canzoni di Sgt. Pepper’s

    Beatles tracks in new music GCSE

    Chiaramente, quando si parla di buoni motivi per ascoltare i Beatles di Sgt. Pepper’s non si può non fare riferimento alle canzoni contenute nell’album. L’uscita di Sgt. Pepper’s nel 1967 fu una vera e propria rivoluzione perché si trattava di un disco estremamente all’avanguardia per l’epoca ma, al tempo stesso, fu in grado di rappresentare un fenomeno di massa apprezzato da tutti. Al loro apice artistico, i Beatles composero e realizzarono brani che hanno fatto la storia della musica. Oltre al brano di apertura che ha lo stesso nome dell’album e che poi viene ripreso nel lato B (The Beatles Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club band reprise), vi sono alcuni dei brani più famosi dei Beatles come il già citato “Lucy in the sky with diamonds”, “Within You Without You “, “With a Little Help from My Friends” e “A day in the life”.

    Le curiosità di Sgt. Pepper’s

    Immagini storiche del cinema americano

    Se a distanza di 50 anni si parla ancora di quest’album è anche per le tante curiosità di Sgt. Pepper’s che forse non tutti conoscono. Oltre ad essere considerato il primo concept album della storia (o comunque uno dei primi) il disco possiede altre particolarità. In primo luogo fu registrato senza pause tra un brano e l’altro: l’assenza di spazi tra le tracce lo rende un unico lungo racconto con uno stesso filo conduttore. Altre curiosità sono legate proprio all’album prodotto da George Martin e registrato in 700 ore. Si tratta del primo disco con la copertina apribile e il primo album con i testi delle canzoni stampati sul retro. Altra novità per l’epoca fu la volontà di introdurre dei gadget nell’album, come i baffi del Sgt. Pepper da ritagliare. Adesso che sapete tutto su Sgt Pepper’s, come fate a resistere alla tentazione di riascoltarlo?