Kasia Smutniak, Volare segna il ritorno in Tv della splendida attrice

Kasia Smutniak, Volare segna il ritorno in Tv della splendida attrice
da in Spettacoli, Televisione

    Con la miniserie Volare diamo assistiamo al grande ritorno di Kasia Smutniak, di cui avevamo già avuto un primo assaggio lo scorso settembre con il ruolo di madrina del Festival del cinema di Venezia 2012. La modella e attrice di origini polacche sembra essersi lasciata alle spalle il periodo buio del post Pietro Taricone, riportando sul piccolo schermo la sua grazia e la sua bellezza per la gioia di tutti gli spettatori. I quali, neanche a dirlo, hanno ringraziato facendo di Volare – La grande storia di Domenico Modugno una delle fiction di maggior successo nella storia recente di casa Rai.

    Certo, il clamoroso boom di ascolti che ha portato la seconda puntata a superare gli 11 milioni di spettatori (con uno share del 38,98%) non può essere imputato solo a Kasia Smutniak, co-protagonista insieme a Beppe Fiorello. Volare ha infiammato i cuori degli italiani perché ha saputo raccontare la vicenda umana e artistica di uno dei cantanti più amati della musica leggera del Belpaese, quel Domenico Modugno che è ormai icona riconosciuta in tutto il mondo. Il significato sociale della miniserie è racchiuso nelle parole di Kasia, che ha così commentato il successo: “Racconta una persona straordinaria che dal nulla realizza i suoi sogni. Nell’Italia di oggi c’è bisogno di storie così“.

    I sogni infranti sono un argomento che la 33enne di Pila conosce molto bene. Figlia di un generale dell’aeronautica, fin da piccola coltiva l’amore per il volo e le alte quote, ottenendo anche il brevetto di pilota. Una passione mai abbandonata, anche negli anni in cui calca le passerelle e si afferma come una delle modelle più apprezzate e richieste.

    Il suo percorso di vita la fa arrivare nel 1998 in Italia, sua seconda patria che non ha più abbandonato: una carriera costellata di fiction e serie Tv, che la porta anche sul set del film Radio West dove, nel 2003, conosce Pietro Taricone, reduce dal Grande Fratello. Taricone è uno dei personaggi più originali e talentuosi del reality, e i due fanno coppia fissa condividendo anche l’amore per i lanci con il paracadute. Il finale lo conosciamo tutti, arrivato sotto forma di tragedia nel 2010.

    Da quel momento Kasia Smutniak entra in una sorta di limbo mediatico, ritirandosi a vita privata per cercare di superare il lutto per la perdita del compagno. La sua presenza, sia in televisione che sulle riviste di gossip, diventa impalpabile, raro caso di rispetto della privacy altrui da parte dei giornalisti scandalistici e dei paparazzi. Ci vogliono 2 anni prima che si torni a parlare di lei, scelta appunto come madrina del Festival del cinema di Venezia 2012, un modo per chiederle di tornare in scena: oltre che molto bella, infatti, Kasia Smutniak è anche attrice valida, materiale di cui si sente molto la mancanza nei prodotti televisivi italiani.

    Volare – La grande storia di Domenico Modugno diventa quindi l’occasione per il rilancio di una donna che entrata di diritto nel cuore degli italiani, e che nella storia di Modugno e della moglie Franca Gandolfi (cui ha prestato volto e anima) ha avuto modo di rileggere la sua esperienza: “Il loro era un amore che andava oltre qualunque cosa. Una complicità grandissima, una storia unica“. Insomma, c’è voluto il giusto tempo ma finalmente possiamo abbracciare di nuovo la splendida Kasia, che si è buttata nel lavoro con il cuore: a breve sarà nelle sale in Tutti contro tutti, commedia di Rolando Ravello, mentre a marzo la vedremo su Sky nella serie In Treatment.

    595

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN SpettacoliTelevisione
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI