Film storici: i 5 più inesatti di sempre

Film storici: i 5 più inesatti di sempre
da in Cinema, Spettacoli
Ultimo aggiornamento:
    Film storici: i 5 più inesatti di sempre

    La natura stessa del cinema è quella di raccontare storie, ma spesso l’ambizione è quella di riportare in vita la Storia, quella con la S maiuscola. Non è certo un mistero che fin dagli albori del mezzo cinematografico, il genere storico (spesso kolossal, conosciuto dalle nostre parti come peplum) sia stato quello prediletto dai produttori.

    Il riferimento inevitabile è soprattutto ad Hollywood, forse unico sistema al mondo in grado di mettere in campo lo sforzo produttivo necessario a riportare su schermo epoche e avvenimenti lontani nel tempo. Dalle parti delle colline di Los Angeles, però, sono sempre stati attratti più dallo spettacolo che dalla veridicità storica, ed ecco quindi che spesso i film contengono numerose inesattezze storiche.

    Fare un elenco di tutti i film “sbagliati” dal punto di vista storico sarebbe un’impresa titanica, visto che praticamente tutti contengono, chi più chi meno, qualche cantonata. Su Internet fioccano i siti dedicati a questi elenchi, ma noi vogliamo citare quelli che, per noi, sono i 10 più inesatti di sempre.

    1) Il Gladiatore di Ridley Scott: questo film pluripremiato è stato molto amato dal pubblico, che ha potuto rivivere i fast dell’epoca romana come mai prima. Gli effetti speciali, però, non sono bastati a nascondere gli errori nella ricostruzione storica. Se anche si escludono le comparse con orologi al polso (errore davvero da principianti), è la figura di Commodo ad essere totalmente inesatta: non era ossessionato dalla sorella, non ha ucciso il padre e non è morto nell’arena del Colosseo. Più di così!

    2) Apocalypto di Mel Gibson: il buon Mel ci ha regalato da regista una serie di perle trash da mandare agli annali. La sua rilettura splatter dei Maya ha provocato svenimenti vari tra storici e antropologi, perché pieno di inesattezze sulla mitica civiltà, a partire dal fatto che i sacrifici umani (che pure venivano compiuti, ma non con quella cruenta soddisfazione) non erano diretti al Kulkulkan, e riguardavano soltanto uomini nemici catturati in battaglia.

    3) Braveheart di Mel Gibson: rimaniamo a Mel Gibson, assoluto protagonista di questa classifica. Braveheart è un film che piace, si lascia vedere e in alcuni punti esalta, ma è del tutto sbagliato storicamente. Per dirne una, il kilt al tempo di William Wallace non esisteva, e venne introdotto 300 anni dopo. Passiamo poi ai personaggi: nella realtà la moglie di re Edoardo II aveva tre anni durante la battaglia di Falkirk, ma nel film non solo Isabella di Francia è già adulta, ma viene sedotta da Wallace. Come non bastasse, tutto fa intuire che il frutto del loro amore fosse il futuro Edoardo III (in realtà nato sette anni dopo la morte di Wallace).

    4) Il Patriota di Mel Gibson: ancora lui, Mel, che stavolta la fa davvero grossa, riscrivendo la Storia. Partiamo dal protagonista Francis Marlon, alla base del personaggio interpretato da Gibson: secondo gli storici non si trattava del caro e buono padre di famiglia mostrato nel film, e invece era uno schiavista che si sposò solo dopo la fine della guerra e perseguitò e uccise interi gruppi di Cherokee. Ma la palma assoluta va alla scelta di capovolgere gli esiti della guerra , visto che nella realtà la battaglia di Guilford venne persa dagli americani, non vinta come glorificato da Gibson.

    5) 10.000 A.C. di Roland Emmerich: questo film di sicuro passerà alla storia come uno dei disaster movie più brutti e peggio scritti di sempre. Il caro Roland, maestro (nel senso negativo) in questo genere di prodotti usa e getta, qui riesce a cacciare dal cilindro alcune perle davvero immortali: ad esempio mostra i mammuth nelle scene in cui gli egiziani costruiscono le piramidi. Ora, a parte che i mammuth non vivevano certo nel deserto, non solo nei lavori venivano utilizzati gli elefanti, ma l’errore è alla base: le piramidi furono costruite solo 8000 anni dopo il periodo narrato nel film.

    657

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CinemaSpettacoli
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI