Resident Evil: Revelations, in uscita per 3ds (video)

da , il

    Due considerazioni per iniziare: la prima riguarda il Nintendo 3DS, la console portatile della casa di Kyoto, piccola fuori ma grande dentro, si è pesantemente vendicata di quanti l’hanno considerata finita ancora prima di iniziare; l’inizio deludente è stato sovrascritto con un grandissimo exploit di vendite, complice l’abbassamento del prezzo, per iniziare, il periodo natalizio, per continuare, ma sopratutto una line-up di titoli di grande appeal, ossia quello che è mancato al lancio. Per dirla in tre parole: volevamo Super Mario.

    La seconda considerazione riguarda invece il brand protagonista di questo articolo, ossia Resident Evil; giapponese come il 3DS, storico come la Nintendo (ma più giovane) considerati i suoi sedici anni di attività, la saga sembra non risentire il peso del tempo da un punto di vista legato alla popolarità. Diverso il discorso legato alla qualità, con quotazioni in ribasso. L’ultima incarnazione del brand è Resident Evil: Revelations, in esclusiva per Nintendo 3DS e disponibile dal 27 gennaio, che centra il colpo.

    La saga di Resident Evil sta attraversando una fase molto turbolenta, con titoli che hanno snaturato il genere survival horror, marchio di fabbrica della serie, per lanciarsi in probabili contaminazioni di generi e mix di storie e personaggi difficili da seguire. Resident Evil: Revelations intanto non è una trasposizione di un titolo “maggiore” su una console portatile, ma si tratta di un gioco inedito, con una nuova storia, collocata temporalmente tra il quarto e il quinto capitolo, e due presenze storiche a supporto: Chris Redfield e Jill Valentine, probabilmente i personaggi più amati della saga.

    La trama di per se non è affatto originale e non riserverà sorprese o colpi di scena, presentando la solita formula a base di Virus-T, terroristi che vogliono inquinare le acque, squadre anti-terrorismo ecc, il tutto a bordo di una nave da crociera. Ciò in cui invece Resident Evil: Revelations brilla è sicuramente l’aspetto tecnico del gioco: la grafica è splendida e sfrutta appieno le potenzialità del 3DS con modelli poligonali, animazioni ed effetti di luce sopraffini.

    Per quanto riguarda il gameplay Resident Evil: Revelations è sicuramente un titolo divertente e godibile, e gli si potrebbe perdonare il livello decisamente basso dell’intelligenza artificiale se mettiamo nel piatto anche il fatto che sono state inserite diverse modalità di gioco secondarie, oltre alla classica missione principale, da affrontare anche in multiplayer e cooperativa. Per concludere, qualche problema c’è ma si tratta davvero di un titolo sopra la media che non mancherà di far vendere qualche 3DS in più.