La vita di Steve Jobs diventa un manga

La vita di Steve Jobs diventa un manga
da in Apple, Hi-Tech
    La vita di Steve Jobs diventa un manga

    Procede il processo di beatificazione di Steve Jobs la cui vita ora è pronta a trasformarsi in un manga. Direttamente dal Giappone – e da dove, sennò? – arrivano le prime immagini della storia illustrata del co-fondatore di Apple, scomparso due anni fa. Si tratta di piccole opere d’arte realizzate da Mari Yamazaki che prendono spunto dalla biografia ufficiale e autorizzata dell’iCEO, scritta da Walter Isaacson, che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo. Qui sopra possiamo dare un’occhiata a una delle 14 pagine pubblicate in anteprima per stuzzicare l’attenzione su questo progetto molto particolare.

    Era da qualche mese che si paventava la possibilità che l’autrice Mari Yamazaki potesse impegnarsi in questo progetto e finalmente è arrivata la conferma con le pagine in anteprima. La seconda curiosità è che la storia illustrata sarà pubblicata su una rivista a spiccato target femminile, chiamata Kiss. Chissà come verrà sviluppato? D’altra parte Jobs ha avuto un rapporto piuttosto tormentato con il gentil sesso, soprattutto con la prima moglie e poi con la prima figlia (non riconosciuta) ossia la celeberrima Lisa che ha però poi recuperato il rapporto con padre e ha “ispirato” il nome di un computer.

    Mari prenderà come riferimento il testo-bibbia su Jobs, ossia la biografia ufficiale realizzata da Walter Isaacson, che è un po’ il biografo americano superstar già autore dei tomi di oltre 1000 pagine su Albert Einstein e Benjamin Franklin. Il manga riprenderà i fili e la trama del libro che racconta la vita di Jobs dalla fanciullezza fino agli ultimi giorni in cui la malattia stava ormai prendendo il sopravvento. Una sorta di testamento che ha appassionato milioni di persone in tutto il mondo e ne ha infastidite altrettante, visto che si tende effettivamente a divinizzare la figura del co-fondatore Apple.

    Il manga partirà con il primo colloquio tra Jobs e Isaacson, con il primo che chiede al secondo di scrivere una biografia sulla sua persona, poi proseguirà con le parole della seconda moglie di Jobs, Laurene Powell, che informerà Walter sulla natura terminale della malattia del marito. I disegni sono realistici e non eccessivi, rispettando lo stile dell’autrice Mari Yamazaki che è stata riconosciuta con svariati premi tra cui la menzione al terzo Manga Taishō e il premio alla migliore storia breve al Tezuka Osamu Cultural Prizes 2010.

    428

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AppleHi-Tech
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI