Soldatesse sensuali da tutto il mondo: un sito raccoglie le foto

Soldatesse sensuali da tutto il mondo: un sito raccoglie le foto
da in Donne

    Esercito e forze militari in generale vengono spesso considerati dei settori prettamente maschili ma, nel 2013, possiamo tranquillamente affermare che si tratta solo di un pregiudizio del passato. Se le poliziotte e le donne delle forze dell’ordine fanno ormai da tempo parte dello scenario consueto di ogni giorno, anche l’esercito vero e proprio ha ormai aperto le porte alle aspiranti Rambo. Con questo mutamento e cambiata anche un’altra cosa importante: le donne non rinunciano alla propria femminilità neanche quando entrano nei ranghi. Trova così riscontro nella realtà una delle fantasie più ricorrenti tra gli uomini, la sexy soldatessa. Un sito si è preso la briga di raccogliere le loro foto in giro per il mondo.

    Il sito Miliwoman rappresenta una vera manna dal cielo per tutti noi. Nell’immaginario erotico maschile la soldatessa e la poliziotta hanno sempre avuto un posto privilegiato, come ci ricordano gli innumerevoli film interpretati negli anni ’70 da donne splendide come Edwige Fenech, Nadia Cassini e Gloria Guida. Soldatesse alle grandi manovre o poliziotte con il grilletto facile e il nudo ancora più facile, queste figure hanno cresciuto generazioni di italiani, diventando di fatto un chiodo fisso. Un mito, per molti versi, perché poi la realtà era ben diversa da quanto ritratto al cinema, causa soprattutto delle divise castigate che non rendevano giustizia alle forme delle donne. Il vento oggi è cambiato ed è come se un sogno diventasse realtà.

    Merito anche dell’esplosione dei social network, che hanno permesso a molte soldatesse di mostrarsi per quello che sono davvero.

    Soltanto negli ultimi mesi abbiamo raccontato diversi casi di scandali in eserciti stranieri dovuti proprio alle foto poco ortodosse condivise da soldatesse. Ultime in ordine di tempo alcune giovani reclute dell’esercito di Israele, pescate a condividere su Facebook foto in pose provocanti e con l’intimo bene in vista. Scatti giudicati offensivi e lesivi della dignità nazionale, ma non è certo la prima volta che succede all’interno delle Forze di Difesa Israeliane. E come dimenticare gli autoscatti su Twitter della soldatessa della marina australiana che hanno fatto il giro del mondo, oppure la vicenda della spagnola Meritxell Martinez, passata dall’esercito ai servizi senza veli sui magazine maschili.

    L’approccio di Miliwoman, comunque, è diverso ma non meno intrigante. Lo scopo è raccogliere le foto delle donne militari (esercito, polizia, vigili del fuoco e così via) divise per Paese e per corpo, in modo da realizzare una sorta di enciclopedia fotografica della bellezza nell’Arma. Autoscatti oppure foto scattate durante eventi o in strada, l’importante è testimoniare come sono le donne nei diversi Stati. Dopo un’attenta osservazione, possiamo annunciare che Argentina, Israele e Finlandia vincono il premio per le soldatesse più sexy, ma anche l’Italia si difende bene. Non ci resta che metterci sull’attenti e augurarvi buona visione.

    478

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Donne
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI