NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Miss Black France, concorso di bellezza con polemica [VIDEO & FOTO]

Miss Black France, concorso di bellezza con polemica [VIDEO & FOTO]
da in Donne

    Ogni concorso di bellezza porta con sé una discreta dose di polemiche, ma oltralpe con Miss Black France sono riusciti a superare ogni record. Si tratta infatti di una gara cui possono partecipare soltanto ragazze di colore, una specie di celebrazione della “black beauty” in un Paese come la Francia in cui l’integrazione razziale mostra spesso delle crepe. Quest’anno si è tenuta la prima edizione, vinta per la cronaca dalla bella Mbathio Beye, studentessa parigina di 21 anni originaria del Senegal.

    La domanda di fondo che ha accompagnato la nascita di questo contest è semplice: c’era bisogno di una iniziativa che divide invece di unire? La risposta sensata sarebbe “no, non se ne sentiva la necessità”, eppure secondo l’organizzatore e ideatore del concorso, il giornalista Frédéric Royer, Miss Black France avrebbe come scopo quello di celebrare la bellezza nera, visto che in questo senso Miss France non sarebbe abbastanza rappresentativo. Miss France razzista, dunque? Non è del tutto vero, visto che nel 2009 il titolo è stato vinto proprio da una ragazza di colore, Chloé Mortaud.

    Insomma, noi ci lamentiamo di Miss Padania e del puritanesimo di Miss Italia (si veda la vicenda delle concorrenti eliminate per le foto osé), ma Miss Black France in fatto di discussioni non è seconda a nessuno. Alla fine comunque l’ha spuntata Mbathio Beye, che ha battuto in finale la concorrenza di 17 ragazze di colore provenienti da tutta la Francia e selezionate tra le 1.000 aspiranti reginette. Dietro di lei sul podio si sono piazzate Romy Niaba, 22enne studentessa di scienze politichedi origini ivoriane e Aissata Soumah, 23enne studentessa di commercio della Guinea ma residente a Troyes.

    I termini che più di frequente in questi giorni sono stati accostati alla gara sono, “pericolosa”, “razzista”. Dominique Sopo, presidente di Sos Racisme, ha affermato che “non si può fare del corpo nero una questione etnica. La volontà di istituzionalizzare il concorso è contro-produttiva”. Allo stesso modo si è espresso lo storico Pascal Blanchard, esperto di immigrazione del Cnrs e autore del libro La France Noire, che ha definito Miss Black France una gara “stupida e pericolosa”.

    367

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Donne
    PIÙ POPOLARI