NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Danimarca, spot sessista con donne senza veli [VIDEO]

Danimarca, spot sessista con donne senza veli [VIDEO]
da in Donne
Ultimo aggiornamento:

    Uno spot che pubblicizza un programma Tv intitolato Blachman, in cui donne di ogni tipo ed età si spogliano per essere giudicate da una coppia di giudici. Quando si parla di pubblicità sessiste che trattano la donna come fosse un oggetto, allora tutto il mondo è paese. Siamo abituati a criticare affissioni e spot televisivi nostrani, ma anche la civile Danimarca a volte può scivolare sulla lastra della provocazione fine a se stessa. Certo, la visione del corpo della donna da quelle parti è molto diversa dalla nostra, più aperta e senza tabù, ma tutto questo non è bastato a placare le polemiche che hanno colpito Thomas Blachman, musicista jazz di primo livello e protagonista della trasmissione incriminata.

    Dalle nostre parti il suo nome suonerà forse poco noto, ma in Danimarca Thomas Blachman, musicista classe 1963, è personaggio molto noto: un compositore apprezzato e premiato cinque volte ai Danish Music Awards, oltre che volto televisivo celebre per aver partecipato come giudice alla versione nazionale del talent show X-Factor. Dalla musica alla Tv trash il passo è lungo, ma Thomas lo ha compiuto in scioltezza, ideando e presentando una trasmissione (Blachman, appunto) che si ispira alla frase guida “il corpo della donna ha sete delle parole di un uomo“. In pratica, in ogni puntata una donna si denuda in diretta nazionale per esporre il proprio corpo ai commenti di Blachman e di un ospite speciale che varia ad ogni puntata. Commenti mai troppo hard e sempre sul filo del filosofico, ma le polemiche sono arrivate comunque.

    La trasmissione, peraltro, va in onda ogni martedì sera sul canale pubblico DR2, cosa che ha alimentato ancora di più le polemiche sulla qualità del servizio televisivo nazionale. Le prime a muovere guerra contro Blachman sono state, ovviamente, le associazioni femministe, che hanno già ribattezzato il programma come il più sessista della storia, una vera umiliazione per le donne. Capeggiate dalla nota blogger Lotte Hansen, hanno lanciato una campagna per spingere la Danish Broadcasting Corporation a cancellare lo spettacolo osceno di mercificazione di un corpo ridotto a mero oggetto di valutazione estetica. Dall’altro lato, però, c’è anche chi considera Blachman un genio, e infatti lui si è difeso dichiarando di aver reso un favore alle donne che “così possono sapere come gli uomini valutino i loro corpi, senza alcuna ipocrisia“.

    422

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Donne
    PIÙ POPOLARI