Speciale Natale

Alex Morgan, medaglia d’oro di bellezza. Il calcio Usa ha la sua stella [FOTO]

Alex Morgan, medaglia d’oro di bellezza. Il calcio Usa ha la sua stella [FOTO]
da in Donne
Ultimo aggiornamento:

    Alex Morgan è il centravanti di riferimento della Nazionale di calcio Usa, ma non è stata notata dagli appassionati di calcio solo ed esclusivamente per la sua concretezza sotto porta. Alex è anche una splendida ragazza e la recente medaglia d’oro vinta alle Olimpiadi di Londra 2012, non ha fatto che aumentare in modo vertiginoso la sua popolarità. Classe 1989 ha già all’attivo 37 reti con la maglia a stelle e strisce realizzate in poco più di 50 match ufficiali. Le dedichiamo una fotogallery con la certezza che verrà apprezzata eccome.

    Un 2012 tra alti e bassi
    Bella, brava e vincente, ma gli ultimi mesi non sono stati facili. Il 2012 le ha portato un’Olimpiade da protagonista, ma c’è da sottolineare come il campionato statunitense di calcio femminile sia stato cancellato a causa di una fortissima crisi: pochi spettatori e costi insostenibili hanno portato la Women’s Professional Soccer (WPS) al fallimento. La soluzione è arrivata solo negli ultimi tempi con la creazione della National Women’s Soccer League (NWSL), neonata Serie A americana. 55 giocatrici, prese tra quelle Usa e tra membri della Nazionale canadese e messicana andranno a comporre le nuove squadre con un sistema di allocazione per creare una league il più possibile equilibrata. Altra delusione per la Morgan è stata la recente assegnazione del Pallone d’oro. Il Fifa Balon d’Or 2012 è andato alla compagna di Nazionale Abby Wambach, quando in molti avrebbero scommesso sull’avvenente attaccante.

    La sua carriera
    La Morgan racconta sul suo sito personale la parabola che l’ha portata fino sul podio più importante per una sportiva. Si è divisa fino ai 14 anni tra basket, calcio, pallavolo e atletica leggera, prima di dedicarsi completamente al pallone. La sua è stata una crescita lenta, aiutata da un’intelligenza tattica incredibile e da un fisico spettacolare.

    Le prime convocazioni nella Nazionale Under-17 l’hanno portata nella squadra dell’Università di Berkeley in California. Il primo gol con la franchigia maggiore è stato segnato contro la Cina nell’ottobre 2010. Da quel momento si è aperta la straordinaria storia con il gol che l’ha portata ad un’Olimpiade strepitosa con 3 gol e 4 assist, tra cui quello decisivo per la rete di Carli Lloyd nel 2 a 1 al Giappone.

    381

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Donne

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI