NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Vladimir Putin dietro le sbarre: il video viral è una bufala

Vladimir Putin dietro le sbarre: il video viral è una bufala
da in News

    Cosa ci fa Vladimir Putin dietro le sbarre in un tribunale? Realizza forse il sogno di quanti ritengono che il nuovo zar di Russia dovrebbe passare qualche anno in galera per come ha gestito e continua a gestire la politica a Mosca? Niente di tutto questo, si tratta solo di una campagna di marketing, con Putin involontario protagonista.

    Ormai il marketing ha imparato ad utilizzare con metodi sempre più raffinati i volti noti della politica a scopi pubblicitari, basta pensare alla costante presenza di Silvio Berlusconi nei banner sul sito della Ryanair. Poteva mica essere da meno l’amicone di Silvio, il proprietario del mitico lettone Vladimir Putin? C’è da dire che all’inizio il video, postato su YouTube, ha creato un certo scompiglio, grazie anche al suo taglio da servizio del telegiornale.

    Molti credevano infatti che quell’uomo dietro le sbarre a capo chino fosse davvero Putin, portato in tribunale per rispondere con le gravi imputazioni di furto, frode fiscale e terrorismo. La notizia è stata ripresa dal Daily Telegraph e da lì si è fatta largo sui media occidentali, ma alla fine si è scoperto che era solo una bufala creata per pubblicizzare un documentario intitolato L’assassinio della Russia.

    Al centro, come prevedibile, Putin e il suo “buon governo”.

    In realtà si tratta di un collage di spezzoni di riprese del processo a Mikhail Khodorkovsky, il magnate del petrolio nemico giurato di Putin, arrestato e processato qualche anno fa per evasione e frode fiscale. Con un colpo di genio gli autori hanno sovrapposto la faccia di Putin sul viso di Khodorkovsky, provocando una reazione immediata: in tre giorni il video ha superato la cifra tonda di 3 milioni di visualizzazioni, spinte dalla voce che recita: “L’ex Primo Ministro è stato portato davanti alla corte del Tribunale di Khamovnichesky circa un’ora e mezzo fa”. I detrattori di Putin dovranno attendere ancora.

    349

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI