Speciale Natale

Sofia Davila, la donna che seduceva su Facebook uomini per rapinarli

Sofia Davila, la donna che seduceva su Facebook uomini per rapinarli
da in News
Ultimo aggiornamento:

    Anche i social network possono diventare strumento per commettere reati: la storia dell’argentina Sofia Davila, esplosa sui blog e giornali internazionali qualche giorno fa, è esemplificativa dell’uso ‘perverso’ che si possono fare di questi spazi virtuali di socialità, apparentemente insostituibili per milioni di persone nel mondo. Questa donna che seduceva uomini su Facebook per poi rapinarli sembra essere la nemesi perfetta di tutti coloro, e sono parecchi, se non la stragrande maggioranza, che usano questo social network per rimorchiare oppure per ritrovare vecchie fiamme perdute nel tempo.

    La protagonista di questa curiosa vicenda è una splendida ragazza argentina di 21 anni, la quale era solita usare se stessa come esca per attirare uomini: una volta contattati su Facebook per concordare appuntamenti, le vittime venivano rapinate. Sofia Davila utilizzava provocanti foto su Facebook come un ragno che tesse pazientemente la sua tela: i tanti maschietti ringalluzziti non vedevano l’ora di fissare un incontro con la prorompente fanciulla, la quale però prima li narcotizzava e poi li faceva rapinare da due sodali complici.

    Come riporta il quotidiano argentino Clarin, quando la polizia l’ha interrogata a seguito di una denuncia, la ragazza si è contraddetta e questo ha consentito la convalida dell’arresto. La carriera criminale di Sofia Davila ha subito un brusco stop a causa di un 39enne residente a Tigre, il quale ha denunciato agli organi di polizia di aver avuto un primo incontro intimo con la ragazza in un motel e successivamente un secondo, quello da cui poi è scaturita la rapina dei complici, nella propria abitazione.

    In tutta questa vicenda emerge il ruolo determinante di Facebook e dei social network in genere, già al centro di vari episodi di estorsione a carattere sessuale riportate dalle pagine di cronache internazionali, a dimostrazione di come il progresso tecnologico si porta sempre dietro anche un lato negativo, a fronte di tante altre positive. Benvenuti nell’era della delinquenza 2.0.

    333

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI