Paco: cos’è la droga dei poveri di Buenos Aires

Il Paco, conosciuto come 'la droga dei poveri di Buenos Aires', è un composto chimico di pessima qualità ottenuto dagli scarti della cocaina mischiati ad altre sostanze. Gli effetti su chi lo usa sono devastanti: i tossici di Paco sono infatti chiamati 'morti viventi'.

da , il

    Paco: cos’è la droga dei poveri di Buenos Aires

    Cos’è il Paco, la nuova droga dei poveri di Buenos Aires? Diventata negli ultimi anni un vero e proprio flagello nel Sud America, questo tipo di sostanza illegale sta spopolando da diversi anni e sembra non voler fermare la sua ascesa. A partire dal 2001, in seguito alla grave crisi economica attraversata dall’Argentina, il consumo di Paco è aumentato in modo esponenziale nel paese, portando a conseguenze fisiche e sociali gravissime un esercito di giovani e meno giovani. Fumato come il crack, il Paco ha un effetto di brevissima durata, pochi secondi, ma porta in breve tempo all’assuefazione: chi lo utilizza, poi, può avere bisogno dalle 60 alle 100 dosi al giorno.

    Cos’è il Paco?

    Il nome tecnico è PBC, Pasta Base di Cocaina, ma il Paco a Buenos Aires è conosciuta come ‘la droga dei poveri’. In realtà la definizione inganna, perché se è vero che una dose costa pochissimo, dai due ai cinque pesos (circa un euro), chi ne diventa dipendente ne ha poi un bisogno continuo e costante, arrivando anche a una spesa che si aggira sui 100 euro al giorno. Chi è dipendente del Paco diventa presto uno zombie, un ‘morto vivente’ che girovaga senza meta nelle zone più malfamate delle città.

    Come è composto il Paco

    Il Paco è lo scarto di lavorazione della cocaina destinata ai mercati europei e nordamericani, mischiata con sostanze chimiche varie, cherosene, colla, veleno per topi, persino vetro in polvere. Il Paco è quindi un prodotto di pessima qualità, ricco di agenti chimici e sintetici che sono in grado di provocare danni irreversibili in chi lo usa.

    Quali sono gli effetti del Paco

    Gli effetti del Paco su chi lo usa sono devastanti. I danni fisici sono gravissimi, soprattutto a livello cerebrale: in pochi minuti si passa dall’eccitazione psicomotoria alla confusione, alle convulsioni, alla paranoia e al delirio. Nei casi più gravi può provocare anche ictus. Il consumo di Paco provoca inoltre ipertensione, aritmia, fino ad arrivare all’infarto. Vomito, nausea e forti perdite di peso sono tra gli effetti più comuni in chi utilizza questa droga che, a lungo andare, può portare alla morte. Il Paco provoca dei gravi danni anche a livello psicologico, una sorta di ‘letargo’ da cui è difficile riprendersi, aggravato da forme pesanti di paranoia. I tossici del Paco, come dicevamo prima, diventano degli zombie.

    Chi fa uso della nuova droga dei poveri

    Il Paco è una droga utilizzata dalle classi medio-basse, uomini e donne di tutte le fasce di età. Negli ultimi anni si è assistito a un consumo sempre più precoce, con bambini di otto-dieci anni già vittime di questa dipendenza. Ma non sono solo i ragazzini delle Villas Miserias a cadere nell’inganno dello sballo facile e a poco prezzo. Si contano infatti sempre più casi di adolescenti provenienti da famiglie di classe media che usano il Paco, perchè costa meno della marijuana e ha effetti allucinogeni più intensi.

    Perché il Paco è così famoso in Sud America

    Il Paco si è diffuso velocemente nel Sud America per via del suo costo basso, almeno inizialmente. Questo gli ha permesso di trovare un mercato nei Paesi colpiti dalla grave crisi economica dei primi anni del secondo millennio. Ma c’è anche un altro motivo dietro la diffusione del Paco nell’America del Sud, come ha raccontanto anni fa a La Stampa Alejandro Corda della Ong ‘Intercambio’: ‘La diffusione della pasta base è parallela allo spostamento dei laboratori di produzione della cocaina dalle piantagioni dell’altipiano andino alle metropoli [...] Le cucine, come vengono chiamate in gergo, sono nascoste in scantinati, anonimi appartamenti o tenute di campagna. La coca di qualità superiore si esporta nei paesi europei, compresa l’Italia, quella di media qualità finisce nel mercato locale, gli scarti diventano Paco’.

    LEGGI ANCHE:

    DOVE NASCONDERE LA DROGA: GLI 11 POSTI PIÙ ASSURDI SVELATI DALLA POLIZIA

    FILM SULLA DROGA, LE PELLICOLE CHE HANNO SEGNATO IL CINEMA

    MARIJUANA LEGALE? È ORA IN COMMERCIO LA EASYJOINT