Mostro marino in Alaska: nuovo Loch Ness? (video)

Mostro marino in Alaska: nuovo Loch Ness? (video)
da in News, Scienze e Misteri
Ultimo aggiornamento:

    Il mistero dell’essere mostruoso che vivrebbe nelle profondità del lago di Loch Ness in Scozia è uno di quei miti che faticano a morire nonostante l’assenza totale di riscontro scientifico. Anzi e rinfocolato da avvistamenti a intervalli più o meno regolari. Da oggi anche l’Alaska potrebbe avere il suo personale mostro in stile Nessie.

    La scoperta sarebbe stata effettuata da un pescatore che si trovava nelle acque di una baia dell’Alaska. La notizia avrebbe incuriosito una gruppo di esperti di criptozoologia, una disciplina a metà tra leggenda e scienza che si occupa dello studio di specie animali di cui non si hanno riscontri effettivi ma di cui si ipotizza l’esistenza, verificata poi attraverso prove circostanziali.

    Come si può vedere dal video, sulla superficie increspata delle acque compare una specie di enorme serpente marino, lungo dagli 8 ai 10 metri, e allora via subito all’entusiasmo di quanti credono che il mostro di Loch Ness esista davvero, e anzi non sia l’unico della sua specie ancora in vita.

    Certo, le profondità marine (e ci riferiamo soprattutto agli oceani) sono mondi ancora in gran parte inesplorati che nascondono di sicuro segreti dal punto di vista della flora e della fauna, ma non tutti gli studiosi sono convinti che possa effettivamente ancora esistere un essere del genere, dalle chiare fattezze preistoriche.

    L’ipotesi più comune riguardo a questo avvistamento, infatti, è che si possa trattare di un esemplare di Cabdosauro, letteralmente rettile della Baia di Caldboro, un serpente di mare che si presume sia vissuto nel Pacifico del Nord, e di cui ci sarebbero tracce soprattutto nella zona della British Columbia americana, al confine con il Canada.

    Per quanto riguarda l’aspetto, si tratterebbe di un essere preistorico che nelle leggende e nei resoconti viene descritto come un enorme serpente dalla struttura simile ad un’anguilla, dotato di placche ossee e pinne, dal collo molto lungo e crinito, e con una testa simile a un cavallo dotata di due grandi occhi per vedere nell’oscurità delle profondità marine.

    L’avvistamento documentato nel video risale al 2009, ma è stato reso noto solo di recente nell’ambito del debutto di Hillstranded, nuovo programma di Discovery Channel dedicato proprio alle stranezze del mondo animale. A conferma dell’esistenza di questo tipo di esseri arriva la testimonianza di uno studioso ed esperto del settore.

    Si tratta di Paul Leblond, ex capo del Department of Earth and Ocean Sciences alla University of British Columbia, ed autore del libro Cadborosaurus: survivor from the deep, che si è detto molto impressionato dalle immagini, sottolineando come l’animale non sia tanto diverso da un plesiosauro, sorta di rettile marino vissuto 190 milioni di anni fa i cui resti vengono rinvenuti solitamente in Inghilterra e Germania.

    487

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN NewsScienze e Misteri
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI