Furti ai calciatori del Napoli, c’è l’ombra della Camorra?

Furti ai calciatori del Napoli, c’è l’ombra della Camorra?
da in News
Ultimo aggiornamento:
    Furti ai calciatori del Napoli, c’è l’ombra della Camorra?

    I recenti furti in casa Napoli sono da ricondurre alla Camorra? Questa idea sta prendendo sempre più piede tra gli inquirenti: “La concentrazione temporale di questi fatti balza agli occhi anche a noi” ha riferito il questore di Napoli Luigi Merolla.

    Negli ultimi mesi sono stati derubati Cavani, Lavezzi e Aronica e sono state minacciate varie mogli di calciatori partenopei: Martina Hamsik, moglie di Marek, la splendida Yanina Screpante, fidanzata del Pocho, e Barbara, la moglie di Fideleff. Minacciato anche il procuratore di Cavani, alla cui compagna incinta è stata puntata una pistola sulla pancia. La situazione, quindi, non è delle più tranquille.

    Sono stati rubati orologi da ventimila euro e auto ma, soprattutto, è stata messa paura a tutte queste persone legate al Napoli calcio. Tutti, a partire dal presidente Aurelio De Laurentiis minimizzano, puntando il dito sulla piccola criminalità che esiste in tutte le città. Ma l’ipotesi-Camorra è sempre più consistente.

    Gran parte di questi problemi nascerebbe dalla vendita online di biglietti delle partite adoperata da De Laurentiis: questo lederebbe gli interessi dei bagarini e, di conseguenza, della Camorra. Anche l’abbandono del campo sportivo di Soccavo avrebbe fatto perdere un buon indotto alla malavita napoletana. Si tratta quindi di un’estorsione ai danni del presidente del Napoli per far tornare la situazione come era prima?


    I commenti
    :

    -Biagio De Giovanni – intellettuale: “Il Napoli è un grande mito che unifica. Il merito di De Laurentiis è stato riportarlo tra noi. A questi segni di vitalità la camorra torna a interessarsi. E così sembra prendere di mira i giocatori del Napoli, per entrare in tutti gli interstizi di un mito rinascente, gioco, scommesse, biglietti

    - Claudio Botti – avvocato: “Totale fesseria, questa del complotto.

    Sono tutti episodi non collegati. Se la camorra vuole mandarti un messaggio, te lo manda molto più esplicito di così”.

    - Luigi Merolla – questore: “Per adesso si può rassicurare l’opinione pubblica. Ci sono episodi sottoposti a un’attenzione particolare, ma di qualità diversa. Certo però che la concentrazione temporale balza agli occhi anche a noi, perciò guardiamo questi fatti con un certo interesse”.

    Allo stadio molti clan fanno comparsa nelle tribune vip e questo fatto è stato già fatto di indagini nei mesi scorsi: quale rapporto ci sia tra giocatori, club e Camorra non è ancora ben preciso. Sembra invece chiaro che qualcosa si deve essere incrinato.

    I tifosi del Napoli hanno sempre più paura che qualche loro idolo possa chiedere di essere ceduto: un’ipotesi che riuscirà ad essere messa a freno dal presidente De Laurentiis?

    Foto da AP/LaPresse

    476

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News Ultimo aggiornamento: Lunedì 06/07/2015 18:28
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI