Florida, hotel per soli nudisti: è subito polemica

Florida, hotel per soli nudisti: è subito polemica
da in News
    Florida, hotel per soli nudisti: è subito polemica

    La crisi economica sta facendo sentire i suoi effetti anche sul settore alberghiero. Le vacanze sono diventate un lusso, e persino la Florida, meta prediletta dei turisti di tutto il mondo, risente del calo di prenotazioni. Per attirare l’attenzione e coinvolgere nuove fasce di utenti bisogna inventarsi qualcosa, come ha fatto Paul Hodge, proprietario dell’hotel Fawlty Towers di Cocoa Beach. Paul ha pensato bene di trasformare la struttura in un hotel per soli nudisti, una sorta di paradiso per chiunque ami girare come mamma l’ha fatto. L’iniziativa lodevole non ha però convinto tutti, ed è subito scattata la polemica.

    Non si tratta certo di una novità, eppure la nuova vita del Fawlty Towers sta suscitando grande interesse anche sui media, creando come ovvio due opposti schieramenti d’opinione. Ma in cosa consiste la libertà concessa dalla struttura? In pratica i clienti possono girare nudi lungo tutto il perimetro dell’albergo, non solo quindi nelle rispettive stanze ma anche nelle sale comuni, in giardino, in piscina e nella cocktail lounge. Un mondo naturale al riparo da sguardi esterni indiscreti, grazie alle alte staccionate predisposte dal gestore per garantire la privacy dei nudisti.

    In Florida di posti del genere ce ne sono molti, e allora da dove nasce la polemica? Sono due i punti più discussi. Innanzitutto viene criticata la scelta di aver aperto l’hotel per nudisti in una zona densamente popolata e piuttosto lontano dalle zone dove sono più frequenti, ovvero Key West. Cocoa Beach non attira la stessa clientela che si trova dalla concorrenza, distante 170 chilometri e frequentata in prevalenza da omosessuali. Il punto più discusso, però, è il secondo: vicino all’hotel si trova lo Shepard Park, un parco dove ogni giorno vanno a giocare i bambini, e nonostante le staccionate molti residenti non apprezzano la presenza dei nudisti proprio lì vicino.

    La popolazione si è spaccata nel giudizio sull’operazione di Paul Hodge, che intanto ha assunto un avvocato ed ha chiesto l’assistenza dell’American Association of Nude Recreation per accertare che fosse legale aprire un motel per nudisti in una città densamente popolata. Nessun problema, tutto legale. Voi un giro al Fawlty Towers ve lo fareste?

    387

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI