Duke, studentessa a luci rosse per pagare l’università [FOTO]

Duke, studentessa a luci rosse per pagare l’università [FOTO]
da in News

    La Duke University è una delle università più famose e prestigiose degli Stati Uniti, ma si trova anche in uno degli Stati più conservatori, la Carolina del Nord. Ecco perché sta creando ancora più scalpore la notizia della studentessa che, per pagare la retta universitaria, ha deciso di intraprendere una carriera parallela come attrice di film a luci rosse. Non è certo la prima ragazza che opta per il set hard invece delle cucine di un fast food, ma la sua storia è finita sulle prime pagine dei giornali quando alcuni studenti si sono imbattuti in rete in una certa Belle Knox, protagonista di pellicole e servizi fotografici per adulti e stranamente somigliante alla loro compagna di corso.

    Già da qualche mese nel campus giravano voci su una studentessa a luci rosse ma, fino a qualche giorno fa, nessuno era stato in grado di identificare la presunta protagonista. Poi sul web sono sbucate le foto di Belle Knox, giovane ragazza acqua e sapone che si mostra senza filtri all’occhio del visitatore di turno. Il tutto su un sito a pagamento, ovviamente, perché lo scopo non è solo posare da modella hard ma, soprattutto, mettere in cascina i soldi necessari a pagare la salata retta annuale della Duke University. Noi italiani, abituati ai costi delle università nostrane, spesso non ci rendiamo conto che, negli Stati Uniti, un singolo studente può arrivare a pagare anche più di 100mila dollari ogni anno per accedere ai college più prestigiosi.

    Nello specifico, la studentessa in questione aveva sul capo una retta di 60mila dollari e nessun lavoro con cui pagarla.

    La scelta di tentare la strada del cinema per adulti, allora, è arrivata grazie a una buona dose di pragmatismo.
    Una volta scoperto il ‘misfatto’ sul suo profilo Facebook sono fioccati commenti sagaci e offese volgari, così la studentessa (il vero nome della ragazza è secretato) ha deciso di confessare e raccontare in una intervista la sua storia. Si scopre così che Belle Knox non nasce solo dalla necessità, ma anche dalla voglia di diventare padrona della propria sessualità, combattendo i pregiudizi che vogliono l’hard come un lavoro ‘sporco’: “Lo faccio perché mi piace. Alla fine di ogni scena mi sento più forte, perché ho la sensazione di essere una donna che ha deciso di essere padrona della sua sessualità, contro tutti i pregiudizi“. Inutile dire che Belle Knox ha fatto già il giro del mondo, diventando una chiave di ricerca esplosiva dagli Stati Uniti al Giappone passando per l’Italia.

    425

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI