NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Donne ucraine pericolose: polemica per lo spot olandese [VIDEO]

Donne ucraine pericolose: polemica per lo spot olandese [VIDEO]
da in News

    Gli Europei di Calcio 2012 si stanno avvicinando, e puntuali arrivano anche le prime polemiche. Questa volta al centro del dibattito non ci sono né i calciatori né l’organizzazione dei due Paesi ospitanti Ucraina e Polonia, bensì uno spot olandese che non è piaciuto per niente alle autorità ucraine. Lo spot (anzi, gli spot) sono stati realizzati dalla compagnia energetica Nederlandse Energie Maatschappij, che è poi anche sponsor della federazione calcistica. Il messaggio? Le donne ucraine sono pericolose, non fate partire i vostri mariti.

    Fallo stare a casa!, questo lo slogan pensato per una serie di video virali, variazioni sul tema in cui cambia solo il protagonista maschile. Lo spot è molto semplice: sul divano c’è un uomo che guarda una partita di calcio (di volta in volta un ragazzo, un anziano, un uomo in carriera), e nel frattempo la sua donna cerca su Google la stringa “donne ucraine”. Quel che ne viene fuori è una collezione di foto di splendide ragazze più o meno vestite ma tutte ammalianti e provocanti.

    Far andare un uomo a Kiev diventa quindi un pericolo evidente per la stabilità della coppia, quindi meglio proibire ogni viaggio in direzione Ucraina. Non si capisce bene cosa abbia a che fare questo tipo di messaggio, decisamente scorretto politicamente, con una compagnia energetica, ma quel che si sa è che l’iniziativa non è piaciuta per niente alle autorità ucraine. Tanto che è intervenuto persino il portavoce del ministero degli Esteri, Alexander Dikusarov:

    “Riteniamo questa pubblicità discriminatoria perché aumenta il conflitto interetnico ed è ingiusta nei confronti dell’Ucraina e degli ucraini. Cercheremo di far rimuovere questo spot dall’etere. L’ambasciatore ucraino nei Paesi Bassi ha già incontrato i rappresentanti della federazione calcistica olandese”. I quali si sono affrettati a mettere le mani avanti dichiarando che lo spot è stato realizzato senza la loro autorizzazione. Staremo a vedere come si evolverà la situazione, ma intanto l’azienda ha già ottenuto il suo primo risultato, far parlare di sé.

    363

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI