Dark Energy Camera, una fotocamera alla ricerca della materia oscura

Dark Energy Camera, una fotocamera alla ricerca della materia oscura
da in Astronomia, News, Scienze e Misteri
    Dark Energy Camera, una fotocamera alla ricerca della materia oscura

    Il suo nome è Dark Energy Camera e, come già il nome lascia intendere, ha uno scopo ben preciso: ricercare la materia oscura, dare la caccia all’energia oscura. Di cosa si tratta? Di una fotocamera dalle dimensioni inusuali e dalla potenza incredibile, frutto di otto anni di duro lavoro da parte degli scienziati del Fermi National Accelerator Laboratory di Batavia, in Illinois. Una fotocamera da 570 megapixel che getterà uno sguardo nuovo e penetrante nei misteri dell’universo.

    La Dark Energy Camera è stata montata sul telescopio Victor M. Blanco del Cerro Tololo Inter-American Observatory (CTIO) in Cile, uno dei luoghi prediletti dagli scienziati per osservare lo spazio profondo. Le prime fotografie di prova, scattate la scorsa settimana, sono state rilasciate in questi giorni dalla Dark Energy Survey Collaboration, il progetto nato per studiare l’energia oscura. Foto emozionanti, che parlano di mondi lontani, come la galassia spirale barrata NGC 1365, che dista da noi 60 milioni di anni luce.

    Lo scopo della ricerca è molto semplice (nei presupposti, almeno), ed è spiegato da Josh Frieman, direttore del Dark Energy Survey: “L’espansione dell’universo sta avendo un’accelerazione e questo per la scienza è un vero mistero, perché la gravità dovrebbe tendere all’esatto opposto, cioè a rallentare questo fenomeno.

    E’ per questo che pensiamo che possa esserci qualcos’altro che spinge nel verso contrario. Materia oscura è il nome che abbiamo dato a un fenomeno che non sappiamo spiegarci”.

    Per questo scopo ambizioso è stata predisposta la fotocamera più potente mai realizzata, grande come una cabina telefonica e con risoluzione di 570 megapixel, in grado di individuare persino le radiazioni luminose emesse a una distanza pari a 8 milioni di anni luce. Nei prossimi cinque anni verranno studiate più di 300 milioni di galassie, 100mila ammassi galattici e 4mila supernova alla ricerca del mistero della materia oscura. Pane per i denti di tutti gli appassionati di fantascienza.

    Foto da Dark Energy Survey Collaboration

    346

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AstronomiaNewsScienze e Misteri
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI