10 falsi miti sull’alcol da sfatare

Bere caffè aiuta a smaltire la sbronza? È vero che il sesso migliora bevendo alcolici? Quando fa freddo è meglio un punch o una tazza di tè? Scopri 10 falsi miti sull’alcol da sfatare.

da , il

    Sul bere si sente tutto e il contrario di tutto. Ma quali sono i 10 miti da sfatare sull’alcool? Un recente studio pubblicato dal Journal of Physiology paragona le proprietà del resveratrolo naturale contenuto nella frutta secca e nel vino a quelle dell’attività sportiva, liberando i pigri dai sensi di colpa. Non sappiamo se sia vero ma come sempre il segreto per sfruttarne i benefici è non abusarne. Un consumo di 2 o 3 bicchieri al giorno può favorire la socializzazione ed è ben tollerato, soprattutto a stomaco pieno.

    Bere uccide le cellule cerebrali

    È un falso mito. L’alcol non uccide propriamente le cellule del cervello, in grande quantità si limita a “danneggiare” i dendriti che, situati nella parte terminale delle cellule, si occupano di ricevere e iviare gli impulsi dei neuroni. In pratica il cervello è semplicemente più rallentato e con esso le funzioni motorie e la memoria.

    Il caffè cura la sbornia

    In realtà il caffè, come l’alcol, ha solo effetti diuretici. Bere caffè dopo una sbornia peggiora solo la situazione visto che l’organismo è già disidratato. L’alcol, infatti, per essere metabolizzato richiede una maggiore quantità di acqua e stimola la diuresi. Le bevande alcoliche invece che dissetare stimolano la sete. Il consiglio per un hangover più leggero è quello di alternare le vostre bevute a bicchieri d’acqua. Per riprendervi dalla sbronza ci sono bevande disintossicanti e depurative più adatte, che stimolano le funzioni epatiche.

    Bere migliora le prestazioni sessuali

    L’alcol rende più disinibiti e in alcuni casi aumenta il desiderio sessuale, soprattutto nelle donne, ma inibisce le sensazioni corporee e negli uomini rende più difficile raggiungere l’erezione. Può anche causare una temporanea impotenza.

    Bere a stomaco pieno aiuta a restare sobrio

    Il cibo assorbe l’alcol, ma non prevenire la sua assimilazione, la ritarda solamente. Va detto però che alcuni cibi tipo le proteine animali migliorano la capacità di assorbimento e il giorno successivo si ha meno mal di testa.

    Si può neutralizzare l’etilometro

    Non è vero. In realtà l’etilometro non reagisce all’odore dell’alcool ma alle reazioni chimiche dell’organismo che, una volta assunto attraverso il sangue, lo smaltisce attraverso gli alveoli e la respirazione. Mangiare mentine non serve, fare gargarismi nemmeno visto che il colluttorio contiene una percentuale di alcol. L’unico rimedio per smaltire l’eccesso di alcool è una sana dormita: devono passare almeno 2 o 3 ore.

    L’alcol favorisce i rapporti sociali

    È un falso mito: in realtà se è vero che rende le persone più disinibite ed è più facile che un timido si senta maggiormente a suo agio, l’alcol non favorisce i rapporti sociali poiché ci rende più suscettibili ed irritabili, riduce le capacità di giudizio e di critica e favorisce situazioni di scontro e di conflitto interpersonali.

    Aiuta a superare un malore

    In realtà la vasodilatazione provocata dall’alcol sottrae apporto di sangue al cervello e agli organi interni, quindi se si ha avuto un calo di pressione la situazione può solo peggiorare.

    Associando alcol ed energy drink non ti ubriachi

    Una moda diffusa consiste nell’alternare alcolici a lattine di Energy drink per evitare la sbornia. In realtà l’effetto eccitante degli Energy drink non annulla l’effetto dell’alcol nel sangue, che continua a salire anche se la ritarda l’ubriacatura. Può capitare quindi di passare direttamente da uno stato di ebbrezza al coma etilico poiché la sensazione di stordimento è minore. Questa pratica inoltre può danneggiare il cuore: l’alcol è un vasodilatatore mentre gli energy drink sono vasocostrittori.

    L’alcol riscalda

    L’effetto di maggior calore dato dall’alcol è dovuto alla dilatazione dei vasi periferici e all’aumento di sangue in circolo sotto pelle. Questo effetto è dunque superficiale e solo momentaneo. Subito dopo si ha una sensazione di freddo e una dispersione del calore corporeo.

    l’alcol rende sicuri

    È importante non confondere sicurezza e incoscienza. Superata una fase di euforia iniziale, l’alcol deprime il sistema nervoso centrale. Senza il pieno controllo del proprio comportamento una persona può diventare rapidamente pericolosa e agire in modo dannoso si a verso se stessa e che nei confronti degli altri.