San Valentino, le regole per una festa da vero gentiluomo

San Valentino, le regole per una festa da vero gentiluomo
da in Coppia, Rapporti
Ultimo aggiornamento:
    San Valentino, le regole per una festa da vero gentiluomo

    Alla fine San Valentino 2014 è arrivato, anche se forse non siamo ancora pronti ad affrontarlo. Per fortuna è un venerdì quindi giornata lavorativa e, a meno che non abbiate deciso per un weekend lungo con la vostra amata, avete ancora qualche ora per organizzare la serata perfetta. Una festa da gentiluomo, per la precisione, perché a San Valentino la donna vuole essere coccolata e al centro dell’attenzione. Non è mai troppo tardi per qualche consiglio su come comportarsi nella giornata romantica per eccellenza. Romanticismo il 14 febbraio significa anche comportarsi da vero gentiluomo, ricordando per una volta quelle regole di bon ton e galanteria che durante l’anno tendiamo a dimenticare. Che vi piaccia o no, è molto probabile che dovrete sottostare al rituale della festa degli innamorati, quindi è bene prepararsi seguendo alcuni consigli strategici.

    San Valentino è dedicato a lei: il termine di festa degli innamorati è ingannevole, perché San Valentino è una festa dedicata soprattutto alla donna, quindi tutti gli sforzi dovranno essere diretti a far sì che si trasformi in una giornata memorabile per lei.

    Creatività e buone maniere: San Valentino va affrontato con la massima naturalezza, senza fingersi quel che non si è. Ciò non significa certo rinunciare alle buone maniere o alla creatività, due elementi fondamentali per la buona riuscita della serata, a maggior ragione se si tratta del primo approccio con una donna.

    Attenzione a non strafare: soprattutto se si tratta di un primo appuntamento, bisogna prestare attenzione e non cercare di strafare con gesti troppo eclatanti. Per dire, se una rosa è poco un mazzo da quaranta rose potrebbe essere troppo. La moderazione mai come a San Valentino è regola d’oro.

    Invitare e organizzare: non attendere mai che sia lei a chiedere i vostri programmi per San Valentino. L’invito deve venire dall’uomo, magari sottoforma di biglietto (che ottiene sempre un certo effetto). Invitare significa anche organizzare e assumersi la responsabilità della perfetta riuscita della serata.

    Scegliere con attenzione il regalo: il regalo più gettonato sono i fiori, perfetta introduzione senza impegno soprattutto al primo appuntamento. I gioielli sono generalmente destinati alle coppie consolidate, ma il rischio è che sembri qualcosa di troppo impegnativo. Quale che sia il vostro regalo, comunque, è bene accompagnarlo con una frase originale e sentita (da evitare i furti da Internet e dai bigliettini dei cioccolatini).

    Scegliere l’abbigliamento adatto: non esiste un dress code specifico e bisogna regolarsi in base alla tipologia di festeggiamento, però ricordate che l’uomo vestito con stile e classe possiede sempre e comunque una carta vincente in più agli occhi di una donna.

    Cena fuori o a casa: la scelta dipende dalla vostra capacità in cucina e dalla voglia che avete di mettervi in gioco. Invitare una donna a cena fuori al ristorante è meno faticoso e impegnativo, però forse anche più impersonale. Cucinando dimostrerete davvero quanto tenete a lei. Occhio a non bruciare casa, se i fornelli non sono arte vostra lasciate perdere o pensate ad un take away. Ponete grande cura anche nel preparare l’atmosfera giusta, tra candele e luci soffuse.

    Argomenti di discussione: di cosa parlare durante la serata? Ovviamente le cose sono ben diverse se siete coppia rodata o alla prima uscita. In ogni caso mostrate attenzione a quel che dice la vostra donna, non accentrando la discussione su di voi e non ostentando mai. Il basso profilo è la scelta migliore, ovviamente senza risultare noiosi. Cercate di capire cosa interessa a lei e battete su quel tasto senza risultare stucchevoli.

    Il dopo cena: il romanticismo della giornata potrebbe portarvi ad un dopo cena di grande interesse, magari in camera da letto. Non bisogna mai forzare la situazione, soprattutto se si è al primo appuntamento. Anche in questo caso comportarsi in maniera naturale è la scelta migliore, e come si suol dire se son rose fioriranno, anche tra le lenzuola.

    San Valentino per single: ultimo pensiero dedicato single. Anche se nessuno vi ha inviato un biglietto di invito non vuol dire che dobbiate chiudervi in uno stato di depressione tutto il giorno. La fortuna va aiutata e spinta verso la nostra direzione, quindi magari sarebbe buona idea uscire e partecipare a qualche evento dedicato: che ne dite di uno speed date?

    728

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CoppiaRapporti Ultimo aggiornamento: Venerdì 14/02/2014 09:11
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI