NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

MotoGP 2012 regolamento, novità in arrivo per il prossimo campionato

MotoGP 2012 regolamento, novità in arrivo per il prossimo campionato
da in MotoGP, Sport
    MotoGP 2012 regolamento, novità in arrivo per il prossimo campionato

    Il nuovo regolamento MotoGP 2012 era già stato in gran parte mostrato nei mesi scorsi: sono state adesso presentate le ultime novità. Gli aspetti più importanti sono senz’altro il ritorno dei test liberi, l’introduzione delle CRT e la sostituzione della “vecchia” 125 con la Moto3.

    Sicuramente l’aspetto che interessa di più i piloti è il fatto di poter finalmente provare le moto durante i test. Ma vediamo nel dettaglio tutte le novità tecniche del regolamento 2012.


    - REGOLAMENTO SPORTIVO

    - Test liberi: la GP Commission, composta Carmelo Ezpeleta della Dorna, Ignacio Verneda (FIM Executive Director, Sport), Hervé Poncharal (IRTA) e Takanao Tsubouchi (MSMA) e alla presenza di Javier Alonso (Dorna), Mike Trimby (IRTA) e Paul Butler (Segretario), ha deciso che i piloti della motoGP potranno testare le moto utilizzando i lotti di 240 pneumatici che sono a disposizione delle squadre di ogni scuderia. Il numero di pneumatici utilizzabili per i test precampionato è lo stesso di quelli disponibili lo scorso anno ma con la differenza che ad usufruirne erano i soli collaudatori interni di ogni team: adesso invece si va incontro a un 120-120 (metà per i collaudatori e metà per i piloti).

    - Qualifiche: è stato stabilito che i piloti non qualificati alla gara con i tempi della sessione di qualifica potranno schierarsi la Domenica in griglia se riusciranno ad ottenere un tempo almeno pari al 107% di quello fatto registrare dal pilota più veloce nel warm up.

    – Partenze dalla pit-lane: chi inizierà la propria gara dalla pit-lane a seguito di una sanzione riguardante il numero di motori permessi per la stagione, avrà l’ulteriore penalizzazione di partire 10 secondi dopo l’accensione della luce verde dei semafori.

    - Gruppi elettrogeni: in tutte e tre le classi sarà possibile utilizzare dei gruppi elettrogeni in griglia di partenza con per alimentare le termocoperte, che potranno rimanere montate fino a prima della partenza. E’ prevista poi la presenza di un motore di riscaldamento in griglia prima del giro di ricognizione. Regole create per migliorare la sicurezza dei piloti nei primi giri di gara quando le gomme non sono in temperatura e spesso creano problemi.

    - Moto3: addio alla 125, ecco la moto3. Le principali novità riguarderanno l’uso di un motore 250cc quattro tempi monocilindrico aspirato con pistone tradizionale dal diametro massimo di 81 mm, sistema di distribuzione a non più di 4 valvole e obbligatoriamente a catena.


    - REGOLAMENTO TECNICO


    - In caso di pioggia:
    quando le condizioni atmosferiche non saranno buone si dovrà montare una luce rossa posteriore.

    - Peso minimo per le MotoGP: salirà dagli attuali 153 chili ai 157 chili nel 2012 fino a diventare 160 nel 2013.


    - La novità CRT:

    CRT sta per “Claiming Rule Team”. Alcuni Team (la GP Commission ha composto una lista contenente gli iscritti alla categoria MotoGP per il 2012 che comprende nove partecipanti con prototipi CRT di vario tipo, più un iscritto di riserva) potranno beneficiare di alcuni aspetti riguardanti la durata del motore e la capacità del serbatoio.

    Le differenze:
    - Ogni CRT avrà infatti a disposizione 12 motori (contro i 6 delle casa aderenti alla MSMA)
    - Ogni CRT avrà la capacità del serbatoio sarà di 24 litri (contro i 21 dei team ufficiali).


    - Il commento:
    “Dal 2012 in poi in MotoGP qualsiasi squadra indipendente avrà la possibilità di richiedere lo status CRT. In questo modo il team, al termine della gara, accetterà di vendere su richiesta uno dei propri motori ad uno dei membri MSMA per 20,000 € con trasmissione o 15,000 € senza. Se accettano queste regole avranno vantaggi tecnici, come per esempio l’aumento di carburante – 24 litri invece di 21 – e più motori per pilota a stagione, da 6 a 12. Queste novità permetteranno al team indipendenti di correre con un budget molto più basso a disposizione. In questo modo dovrebbe esserci più concorrenza e, di conseguenza, più caselle occupate sulla griglia di partenza” ha dichiarato Corrado Cecchinelli, MotoGP Director of Technology.

    I test sicuramente porteranno dei vantaggi alla Ducati. Le altre misure adottate, dal peso delle moto alle CRT, potrebbero rendere più competitivi altri team indipendenti. Tutto questo andrà a vantaggio dello spettacolo? L’obiettivo è questo…

    Foto da AP/LaPresse

    721

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MotoGPSport
    PIÙ POPOLARI