Pistola massaggiante, cos’è la rivoluzionaria terapia percussiva?

Dolori muscolari derivanti da posture scorrette o da un recupero atletico non immediato? La rivoluzione è a portata di mano. La terapia percussiva, ormai sempre più diffusa, è quello che fa per te. Scopri tutti i segreti e i benefici della pistola massaggiante.

da , il

    pistola massaggiante

    Ultimamente si sente sempre più parlare dei benefici della terapia percussiva per alleviare dolori muscolari, migliorare la mobilità e favorire il riscaldamento e il recupero prima e dopo un’attività sportiva. La pistola massaggiante è diventata ormai un must have per qualsiasi sportivo e non. Infatti, oltre alla ripresa muscolare, uno dei punti forti della terapia pecussiva è la capacità di allentare delle tensioni muscolari e alleviare i dolori derivanti da posture scorrette. Ecco tutti i dettagli:

    Terapia percussiva, cos’è?

    Capiamo cos’è la terapia percussiva e quali sono i suoi benefici. La terapia percussiva è l’applicazione rapida e ripetitiva di una pressione perpendicolare al corpo, con il corretto bilanciamento tra ampiezza, frequenza e forza. Le pressioni favoriscono la circolazione del sangue nelle aree trattate, riuscendo a migliorare la mobilità e la velocità di recupero, e alleviando il dolore cronico e quotidiano. La terapia è rivolta ai soggetti che soffrono di rigidità muscolare, soprattutto alla schiena, al collo e alle gambe; gonfiore articolare e ristagno di liquidi e per attenuare i dolori post allenamento. Interessante, per coloro che praticano abitualmente sport, è la capacità di rigenerazione dei tessuti e il grande aiuto per la crescita degli stessi. Infatti, è stata clinicamente dimostrata la riduzione del dolore da parte della terapia a percussione, e al tempo stesso è efficace nella riduzione dei livelli di LDH nelle 48 ore dopo gli allenamenti.

    Terapia a percussione: benefici

    La terapia a percussione provoca effetti neurologici e fisiologici sul tessuto muscolare che portano a una varietà di benefici, tra cui:

    • riduce il dolore
    • aumenta la mobilità
    • aumenta la gamma di movimento e il flusso di sangue nell’area trattata
    • accelera la riparazione e la crescita dei tessuti

    Una terapia innovativa e rivoluzionaria per rimediare alle cattive abitudini posturali e di supporto agli allenamenti, migliorando prestazioni e recuperi.

    Pistola massaggiante

    pistola massaggiante
    Foto Instagram | @TopMet

    La pistola massaggiante è lo strumento tramite il quale mettere in pratica i fondamenti della terapia percussiva. Precisamente la pistola massaggiante, detta anche a percussione, è l’alternativa self-help delle sedute di massaggi professionali, sono dispositivi elettrici che ci permettono di compiere massaggi su alcune parti del corpo attraverso un movimento meccanico particolare. Questo strumento va quindi a picchiettare la zona interessata con piccoli colpi ravvicinati, mimando così il tipico movimento di un massaggio.

    La pistola massaggiante utilizza una frequenza di vibrazione fino a 3200 vibrazioni al minuto. La sua testina oscilla in avanti e indietro picchiettando l’area interessata, a una velocità tra le 30/40 volte al secondo. Combinando vibrazioni e oscillazioni, la testina colpisce i muscoli affinché si distendano, entrando sempre più in profondità nel tessuto muscolare. Ovviamente questo dispositivo non può sostituirsi all’azione di professionisti del settore e non può risolvere patologie gravi senza l’aiuto di fisioterapisti.

    Pistola massaggiante, come e quando usarla?

    La pistola massaggiante è un dispositivo semplice e intuitivo. Basterà porla sulle aree che necessitano di trattamento, dai quadricipiti doloranti alle spalle bloccate, premere il grilletto, mantenendolo circa 10-30 secondi o anche qualche minuto sulla zona afflitta. 15 minuti dovrebbe essere un buon lasso di tempo per una sessione su tutto il corpo.

    L’ideale sarebbe integrare la pistola massaggiante nell’allenamento personale. Pre-allenamento: prima della fase di riscaldamento, passare per tutto il corpo per 2-3 minuti per colpire tutti i muscoli principali dal collo fino ai piedi. Durante l’allenamento: usare sui distretti muscolari che si sono allenati, per 10-15 secondi durante i periodi di riposo. Post-allenamento: per 20 minuti usare la psitola massaggiante per trattare le zone muscolari dolorose. 2-3 minuti è l’utilizzo consigliato di questa fase.

    Pistola massaggiante, quale acquistare?

    pistola massaggiante 2
    Foto Instagram | @TopMet

    Trattandosi di uno strumento molto avveniristico, molti saranno scettici riguardo l’efficacia della pistola massaggiante e per questo non disposti a spendere troppo. Partendo dal presupposto che il costo del dispositivo vale tutti i benefici che ne conseguono, possiamo affidarci alle opinioni di esperti nel settore e sportivi di alto livello che ne fanno uso. Per esempio Tommaso Marino, noto cestista italiano, ha integrato la pistola massaggiante nelle sue sessioni di allenamento. Ma non è il solo, anche la tennista Sara Errani utilizza la terapia percussiva come supporto ai sui allenamenti specifici e ormai sempre più professionisti si affidano a questo strumento per migliorare le loro prestazioni. Ecco i nostri consigli:

    Se pensiamo alla pistola massaggiante non possiamo non nominare Top Met, sinonimo di grande affidabilità e serietà in questo campo. Infatti, con Top Met abbiamo la possibilità di esplorare l’innovativa terapia a percussione con dispositivi nuovi e all’avanguardia. A disposizione troveremo il prototipo Pro della pistola massaggiante con prestazioni di livello e introvabili sul mercato, ma possiamo trovare anche il modello Mini Pro, la versione tascabile da portare con te in ogni posto.