Il galateo delle posate a tavola: come si usano dall’antipasto a fine pasto

Tutto ciò che c'è da sapere sul galateo delle posate a tavola dall'antipasto fino a fine pasto come incrociare le posate per comunicare con camerieri e, dunque, con la cucina. Una panoramica completa

da , il

    tavola galateo
    FOTO Pixabay

    Qual è il galateo delle posate a tavola? Andiamo a fare un po’ di chiarezza sulla corretta disposizione di coltelli, forchette e cucchiai durante un pranzo o una cena dall’antipasto a fine pasto. Ci sono infatti indicazioni e “regole” delle posizione delle posate nel galateo che molti ignorano oppure che hanno appreso in modo errato. Altri, invece, hanno regole tutte loro che possono andare a creare confusione perché c’è un vero e proprio linguaggio delle posate che può ricordare quello delle bandiere per la comunicazione internazionale in mare. Motivo per il quale ora andremo a raccontarvelo anche con immagini esplicative e molto semplici da comprendere.

    La disposizione delle posate e dei bicchieri a tavola

    Galateo posate qnm

    Ma prima una piccola premessa relativa alla posizione completa delle varie stoviglie sul tavolo comprensive anche dei bicchieri per non arrivare a una cena importante e non sapersi comportare adeguatamente.

    Partiamo proprio dai contenitori per i liquidi che possono essere solitamente quattro: quello più ampio è quello per l’acqua, di fianco i due bicchieri per il vino rosso e il vino bianco; subito dietro quello allungato e alto per lo spumante.

    Sopra al piatto si trovano o tre posate in orizzontale o due: nel primo caso siamo in presenza di cucchiaio per il sorbetto che punta verso sinistra, la forchetta per il dessert verso destra e il cucchiaio sempre per il dessert verso sinistra; nel secondo caso siamo in presenza di una forchetta e di un coltello per la frutta. In generale, dal momento che la frutta si mangia prima del dolce a inizio pasto troveremo sulla tovaglia le posate per la frutta (che da galateo va consumata sbucciandola con coltello e forchetta). Successivamente le posate per la frutta saranno sostituite da quelle per il dolce.

    Il piatto è circondato da numerosi elementi.

    A destra trovano spazio i coltelli e introduciamo una regola molto semplice: bisogna sempre afferrare la posata più esterna, perché sono già disposte in modo cronologico rispetto alle portate, in modo tale che tutto sia più semplice dato che lo spazio si creerà da sé video che man mano ne saranno portate via con le regole che troveremo nelle prossime pagine. I coltelli, da esterno a interno sono antipasto, pesce e carne. Le forchette sono a sinistra e anche qui antipasto, primo, pesce e carne. Sulla destra dei coltelli c’è il cucchiaio.

    Più esternamente trova spazio il piattino per il pane con il coltello con la punta arrotondata per il burro.

    Il galateo delle posate

    Galateo generale

    Come preannunciato nella prima pagina, le forchette e i coltelli possono fungere da sistema di comunicazione con il cameriere e, dunque, con la cucina, perché possono fare le veci delle parole stesse creando simboli immediatamente riconoscibili. Siete soliti lasciare le posate sul tavolo facendo sì che il cameriere le raccolga? In realtà avete un grande potenziale da esprimere, ma dovrete impararlo. Bastano pochi minuti e potrete stupire i vostri amici anche in pizzeria. Pronti? Via.

    Galateo posate per fare una pausa

    Galateo pausa

    Quando la portata è abbondante e/o magari siamo già belli satolli, non c’è niente meglio di una piccola pausa, magari accompagnata da due passi verso i servizi e ritorno se ci spiace molto lasciare il cibo nel piatto, a maggior ragione se delizioso. Tuttavia, il cameriere potrebbe passare e ritirare il piatto pensando che non lo vogliamo più. Per comunicare silenziosamente questa volontà di mettere in pausa il pasto bisogna posizionare il coltello a destra in diagonale con la punta rivolta verso il piatto e la forchetta da sinistra anche lei con le punte verso il piatto. D’altra parte, le posate sono così messe in modo tale da essere afferrate e utilizzate quanto prima. È molto importante che le posate non si tocchino.

    Galateo posate per passare alla portata succesiva

    Galateo prossimo piatto

    Se invece siamo sazi e siamo pronti per la portata successiva, non è necessario chiamare il cameriere e invitarlo a ritirare il tutto e informare la cucina, perché basta formare una croce con il coltello sotto in verticale e la forchetta sopra in orizzontale. Il cameriere darà uno sguardo passando e ritirerà con sicurezza e riservatezza. Naturalmente, se il piatto è ancora pieno può certo significare che si è solo sazi, ma anche che non si è apprezzato molto, ma in questo caso c’è una specifica indicazione, sempre con le posate.

    Galateo posate per indicare scarso gradimento del piatto

    Galateo non gradito

    Se non si è soddisfatti con il piatto ricevuto, allora si devono posizionare le posate in modo simile alla pausa, ma con il coltello che va a inserirsi all’interno della forchetta. Per questo motivo, in precedenza, vi avevamo raccomandato di non far toccare le posate quando mettete la configurazione per la pausa, potrebbe essere malinterpretato.

    Galateo posate per indicare gradimento

    Galateo eccellente

    Quando si è invece soddisfatti con il piatto ricevuto, anche se non si è finito non è importante, bisogna piazzare forchetta e coltello paralleli rispetto alla seduta. Si formerà una sorta di uguale e di sicuro strapperete un sorriso al cameriere così come allo chef quando riceverà la comunicazione del gradimento. Come potrete immaginare, è anche molto gradito quando si esprime a voce la bontà del piatto.

    Che senso ha il galateo delle posate

    In conclusione, pensate siano regole fini a se stesse e inutili? Tutto ciò che riguarda l’educazione può non esserci, può essere dimenticato o deriso, ma sono le forze delicate come la gentilezza ad avere la potenzialità di salvare il mondo. E tutto parte dalle piccole dimensioni, come quelle delle posate. Se siete invitati a cena in un locale prestigioso e metterete in pratica queste indicazioni farete un figurone soprattutto col personale in sala, che apprezzerà. In modo discreto e silenzioso, come questa unica comunicazione.