Come scegliere il sushi quando vai per la prima volta al Giapponese

Sei alla prima cena o pranzo al ristorante giapponese per assaggiare il sushi e non hai la minima idea di come scegliere e da dove iniziare?

da , il

    Come scegliere il sushi quando vai per la prima volta al Giapponese

    Come scegliere il sushi quando vai per la prima volta al ristorante giapponese? Se sei alla prima visita e al primo assaggio in un locale di specialità nipponiche potresti essere un po’ preso dall’ansia e dalla preoccupazione di fare la scelta sbagliata col risultato di a) non mangiare alcunché risultando magari fuoriluogo e poco incline alla degustazione di cibi esotici; b) spendere tanto per mangiare niente con l’amarezza di aver sprecato il tuo budget magari non così alto per le uscite e c) di stare addirittura male per alimenti ai quali non sei abituato.

    Non essere timorato, abbiamo qui per te una serie di consigli che puoi mettere in pratica per evitare (brutte) sorprese e andare quasi sul sicuro, così da goderti cibo e compagnia e tornare una seconda, terza e n volte esplorando sempre di più e addentrandoti maggiormente nell’ampia offerta culinaria giapponese.

    Piccola premessa: se è la prima volta che vai dal giapponese magari non sai nemmeno bene come afferrare le bacchette e potresti optare per la più confortevole forchetta. Ti consigliamo di non farlo perché potresti disintegrare il sushi con il metallo della posata amica e produrresti più danni che benefici. In realtà, in Giappone è usanza mangiare anche con le mani dunque non farti problemi ad afferrare il prodotto con le dita, pucciarlo agevolmente nella salsa di soia (senza esagerare) e trangugiarlo in un sol boccone (non tagliarlo!). Altra alternativa quella di chiedere le bacchette per bambini che sono unite in fondo per usarle più facilmente.

    SCEGLI I TIPI DI PESCE CHE CONOSCI

    sushi
    Ansa

    Nel menu vedi pesci che ti spaventano e non sai da che parte iniziare? Semplice, punta su ciò che conosci e sai che ti potrà piacere come il salmone, il tonno così come il polpo. Sono gusti famigliari che si accompagnano al riso alla giapponese che varia da quello nostro del risotto perché leggermente più cotto e appiccicoso, ma niente di stravolgente. Opta per questi sapori sicuri, entra nel giusto mood di questo ristorante, assapora la combinazione con la salsa di soia e vedrai che ti troverai a tuo agio. Il prossimo passo sarà quello di capire quando il sushi è buono o no.

    PUNTA SU PESCE COTTO

    sushi
    Ansa

    Sei spaventato dal pesce crudo e ti vedi già pronto sulla barella per una devastante lavanda gastrica con successiva sepoltura sommaria a bordo strada? Tranquillo, non è nemmeno necessario che tu vada troppo lontano dalle tue abitudini anche qui. Il sushi non significa necessariamente pesce crudo, anzi ci sono tanti pesci cotti come gamberi o molluschi, accompagnati da verdura a te vicina come avocado, cetrioli fino all’insalata. Vai sul tranquillo.

    ORDINA IL FRITTO A FINE PASTO

    sushi
    Ansa

    Sei subito attratto dal succulento fritto alla giapponese ossia in tempura? Come darti torto, questa procedura rende molto croccante e appetitoso il gambero così come le verdure. Ma come tutti i fritti ti riempie facilmente e ha un sapore molto forte. Dunque, ti consiglio di tenerlo come ultima opzione, quasi alla fine. Così – soprattutto se sei in un all-you-can-eat, non adrai a renderti subito satollo mentre gli altri continuano a mangiare.

    OCCHIO AL WASABI

    Wasabi
    Danaimge – CC 3.0

    Che cos’è questa salsina verde invitante? È il piccantissimo wasabi – o meglio dire una sua versione occidentale quasi surrogata – che fa da accompagnamento. C’è chi lo mescola alla salsa di soia e chi lo trangugia in grandi quantità. Ti consigliamo di assaggiarne una piccolissima porzione per farti un’idea e valutare tu. Ma esagerare non è mai bene. In realtà, in Giappone è già inserito all’interno del sashimi.

    COME USARE LO ZENZERO

    Sushi zenzero
    CC0

    Infine, che cos’è quella fogliolina dal colore giallognolo-rosa che viene accompagnata sempre al sushi o al sashimi? Trattasi dello zenzero, che non ha solo funzione eupetpica – ossia che fa digerire – ma fa da assistente al cibo. Consideralo un po’ come un sorbetto che pulisce la bocca quando si cambia sapore o come il bicchiere di acqua prima del caffè. Per un’esperienza superiore e più completa, conviene prima di tutto passare dal pesce più delicato a quello più deciso (chiedi ai camerieri se vuoi consigli), in secondo luogo ci si dovrebbe pulire la bocca con lo zenzero (un piccolo pezzo è sufficiente) per azzerare il gusto precedente.