Troppi investimenti sono solo bolle di sapone: allarme “scatole vuote”

Quando si investe il proprio denaro ci si espone chiaramente ad un rischio, ma questo rischio dovrebbe essere commisurato alla speranza di un guadagno.

Quindi sostanzialmente un investimento dovrebbe essere un buon bilanciamento tra il rischio e il rendimento. Questo è un principio che vale sempre e che dovrebbe essere sempre la bussola di chiunque intraprenda qualsiasi tipo di investimento. Se qualcuno proponesse ad un altro soggetto un investimento in una scatola vuota, questa sarebbe facilmente da classificare come una vera e propria truffa e sarebbe perseguibile.

Attenzione agli investimenti che sono scatole vuote
Attenzione agli investimenti che sono scatole vuote / QNM

Eppure gli attuali progressi della tecnologia permettono effettivamente di investire in cose che sono realmente delle scatole vuote ma che hanno la potenziale possibilità di una crescita nel tempo. Prendiamo il caso delle criptovalute oppure dei non fungible token.

Asset virtuali: discordia nel valutarli

Sostanzialmente chi investe in questi asset assolutamente virtuali sta investendo nel nulla ma si tratta di un nulla quotato su apposite piattaforme e che può anche aumentare tanto di valore. Per chi polemizza con questo tipo di investimenti si tratta di investimenti assolutamente assurdi e pericolosi. Ma dall’altra parte c’è chi sostiene che queste polemiche siano semplicemente figlie di una visione vecchia della tecnologia e del mondo.

Infatti i sostenitori delle criptovalute e dei NFT sostengono a spada tratta che attualmente il mondo non è fatto soltanto di materia tangibile ma è fatto anche di bit. Quindi non c’è nulla di strano che possano esistere degli asset virtuali così come non c’è nulla di strano che esistano aziende che non producono materialmente nulla se non software o piattaforme virtuali.

Una questione economica e filosofica

Si tratta di una questione che più che economica è quasi filosofica. Effettivamente non ha torto chi dice che il mondo si sta evolvendo e che non bisogna scandalizzarsi o stupirsi più di tanto che un asset sia completamente virtuale e che quindi investimenti del genere non possano essere considerati assurdi o senza senso. Tuttavia il problema maggiore è un altro ed è duplice.

Attenzione agli investimenti che sono scatole vuote
Attenzione agli investimenti che sono scatole vuote /QNM

Infatti da un lato è difficilissimo valutare strumenti così evanescenti e dall’altro proprio il fatto di essere a costo zero (ma non necessariamente) dal punto di vista della produzione crea una vera e propria bulimia di criptovalute e di non fungible token. Capire quale di questi sono duraturi nel tempo e quali sono solo delle bolle è incredibilmente difficile. Quindi se in astratto gli investimenti completamente virtuali come criptovalute non fungible token non sono da stigmatizzare in se stessi, la possibilità che diano il via a delle pericolosissime bolle è sempre molto forte.

Tante potenziali scatole vuote

Quindi oggi in realtà ci sono tantissime persone che investono in vere e proprie scatole vuote ma soltanto il tempo potrà dire se queste scatole vuote hanno senso dal punto di vista economico e quanto facilmente si prestino a diventare bolle speculative e quanto no. Quindi se in passato investire su una scatola vuota sarebbe sembrato qualcosa di assurdo oggi è possibile ma i rischi chiaramente non mancano. Il problema è di difficile soluzione perchè l’arrivo di una dimensione completamente dematerializzata dell’economia e della vita da un alto autorizza questi asset ma dall’altro rende troppo facile la creazione di pericolose bolle.