Campionessa italiana lotta contro un tumore: il regalo speciale commuove tutti

Campionessa italiana lotta contro un tumore: il regalo speciale commuove tutti. Il male è tornato, ma il suo ambiente la sta sostenendo

Chi fa sport per mestiere è abituato fin da piccolo a lottare contro tutto e tutti, specie in uno sport individuale. Come ha sempre fatto Elena Fanchini, che nella sua carriera ha vinto molto meno di quello che avrebbe meritato e ha dovuto fare spesso i conti con la sfortuna ma anche con la matallia.

Campionessa italiana tumore
Campionessa italiana lotta contro un tumore (QNM.it)

Due successi in Coppa del Mondo, l’ultimo a Cortina nel 2015, e un argento dieci anni prima sempre in discesa ai Mondiali di casa, quelli di Bormio anche se lei è bresciana. Poi alcuni piazzamenti importanti, ma il conto le è sempre arrivato salatissimo.

Durante un allenamento in Austria, nell’ottobre 2008, la rottura dei legamenti del ginocchio sinistro che lìha costretta a saltare tutta quella stagione. Nella stagione 2018-2019 ancora in allenamento, negli Stati Uniti, la frattura di un dito della mano e del perone prossimale. Anche in questo caso stagione saltata.

Ma in mezzo c’era stato pure di peggio. Perché nel gennaio di quell’anno, mentre preparava le Olimpiadi Invernali di Pyeongchang, la mazzata: durante alcuni controllo medici ha scoperto doi avere una neoplasia. Quindi cicli di chemioterapia, un intervento e sembrava tornato tutto normale anche se alla fine della stagione 2020 ha deciso di smettere con l’agonismo.

Campionessa italiana lotta contro un tumore: Elena Fanchini racconta il suo nuovo dramma

Da allora Elena Fanchini ha arricchito la sua vita anche con quattro nipotini, nati dalle due sorelle Nadia e Sabrina, anche loro nazionali di sci (e la prima ha vinto molto). Oggi però il tumore è tornato e lo abbiamo scoperto a Cortina, dopo la vittoria di Sofia Goggia.

La campionessa azzurra infatti dopo la premiazione ha regalato il suo pettorale all’ex compagna di tante gare e le ha dedicato il successo. Perché si conoscono fin da ragazzine, sciavano insieme a Montecampione, nel Bresciano, hanno condiviso tante trasferte. E ora Elena, al ‘Corriere della Sera’ confessa che “io sono qui a lottare. Quel pettorale rosso però mi ha regalato un sorriso”.

Glie lo aveva chiesto dopo aver visto vincere Dorothea Wierer nella Sprint del biathlon ad Anterselva e la promessa è stata mantenuta. Come le ragazze azzurre fanno in poisyta, così farà anche lei di nuovo opposta alla malattia. Lo scorso agosto ha scoperto di avere una recidiva, anche se la prima volta era guarita completamente. Ma ora frequentando di nuovo l’ospedale ha scoperto che può succedere a molti.

Elena Fanchini
Elena Fanchini racconta la sua battaglia (QNM.it)

Ad aiutarla però c’è il suo clan: “Le mie sorelle mi sono sempre vicino, tutti mi sono vicino. Ho una famiglia fantastica, sono fortunata. Quando sciavo la ringraziavo sempre, adesso la ringrazio ancora di più. Sia me che alle mie sorelle è mancata la continuità a causa degli infortuni. È l’unica recriminazione: non c’è mai stato un anno liscio, senza cadute. Però ci siamo tolte belle soddisfazioni, le vittorie non ce le porterà via nessuno”.

Come nessuno le porterà via l’amicizia con la campionessa azzurra del presente. Con Sofia si vedono quando possono ma si sentono spesso e l’ultima volta era successo prima di Natale. Ora di nuovo insieme, come ai bei tempi, con un regalo in più.

Sofia Goggia, nuova caduta dopo il trionfo: la rinuncia al Superg di Cortina per non rischiare in vista dei Mondiali

Sofia Goggia ha sempre dimostrato una grande sensibilità, non solo verso il suo mondo, anche perché in fondo nelle sorelle Fanchini si rivede appieno. Pure lei quando a sfortuna non scherza e infatti questa mattina ha rinunciato al Superg che ha chiuso il programma di Cortina per la Coppa del Mondo femminile.

Come ha spiegato lo staff tecnico azzurro, nessun allarme ma solo una scelta precauzionale perché tra due settimane cominceranno i Mondiali di Méribel e Courchevel. La sua caduta nella Discesa di sabato 21 non ha fatto danni ma lamenta un leggero indolenzimento al ginocchio destro, non quello dove si era fatta male in anno fa.

Sofia Goggia
Sofia Goggia in azione (QNM.it)

Le sue parole comunque fanno sognare: “Mi dispiace non essere in gara su una delle piste che più amo e davanti a tanti tifosi che sono venuti sino a Cortina a tifare per la nostra squadra. Ma l’obiettivo stagionale è rappresentato dalle gare di Méribel in programma e dovremo presentarci nelle migliori condizioni. Ci rivedremo in Francia”.